Allerta sui poveri in Italia: aumentano di 615 al giorno e sono 4 milioni

Scritto il alle 09:39 da Agata Marino

La crisi economica si sta espandendo molto più velocemente di quanto avevamo previsto e, l’area della povertà assoluta che potrebbe estendersi a oltre quattro milioni di persone nel 2013.

Lo riportano i nostri network presenti al 14° Forum Ambrosetti di Cernobbio ascoltando le parole di Carlo Sangalli, presidente di confcommercio «Così si corre il rischio di mettere a repentaglio la coesione sociale».

Il Fisco incassa, in assenza di crescita e di ripresa dei consumi il Paese vede aggravarsi la recessione e lo stato comatoso in cui si trova. A preoccupare Confcommercio, insieme agli altri problemi aperti, tra cui i mancati pagamenti della Pubblica amministrazione alle imprese, è il numero in aumento dei disoccupati (3 milioni, per un tasso dell’11,7%), degli «scoraggiati» (680mila) e dei cassintegrati (200mila). Da qui la decisone dell’organizzazione guidata da Sangalli di varare un nuovo indicatore macroeconomico mensile, battezzato Misery index. Un dato per tutti: l’Italia, in cinque anni, ha prodotto circa 615 nuovi poveri al giorno.
ma ecco la notizia (Finanza.com, finanzaonline)

“Non siamo ottimisti. Tutte le variabili economiche sono in peggioramento dal 2007. Meno occupazione, produttività stagnante e pressione fiscale particolarmente elevata implicano minori consumi”. Questo il sunto dell’analisi messa a punto dall’ufficio studi di Confcommercio e spiegata dal direttoreMariano Bella in occasione della pima giornata del Forum di Cernobbio in merito alla situazione e le prospettive dell’economia italiana. La Confederazione ha così abbassato lo stime di crescita italiana per il 2013: per quest’anno il Pil è previsto in calo dell’1,7% rispetto alla flessione dello 0,8% indicato cinque mesi fa.Nel 2014 il Pil invece dovrebbe crescere dell’1%, anche se, sottolinea il direttore, si tratta di una quantità insufficiente a fare recuperare al Paese quanto perduto nel 2013.

Non va meglio ai consumi, che per quest’anno in Italia sono attesi in diminuzione del 2,4% contro la precedente previsione di -0,9%, mentre il prossimo anno dovrebbero aumentare dello 0,3%. Bella ha ricordato che “abbiamo alle spalle il peggiore anno dell’Italia repubblicana in termini di caduta dei consumi“, dopo che il 2012 si è chiuso con una flessione dei consumi del 4,3%, “e l’intonazione delle attese di cittadini, lavoratori e imprese, non è certo favorita dall’attuale clima politico”.

“La fiducia delle famiglie è ai minimi storici – prosegue Bella – come le immatricolazioni di autovetture a persone fisiche. La fiducia rilevata dall’Istat presso gli imprenditori del commercio è molto inferiore addirittura ai minimi raggiunti nella prima parte del 2009″.

Decisamente allarmante la situazione dei poveri in Italia. “Volendo azzardare una previsione dell’evoluzione di questa grandezza, siamo portati a valutare in oltre 4 milioni le persone assolutamente povere nella media del 2013, rispetto al dato certificato dall’Istat di 3,5 milioni circa per il 2011. Considerando che le persone assolutamente povere erano meno di 2,3 milioni nel 2006, dobbiamo riconoscere che l’Italia, in cinque anni ha prodotto circa 615 nuovi poveri al giorno, per un totale di un milione e 120 mila poveri assoluti aggiuntivi tra il 2006 e il 2011″, ha detto il direttore spiegando i risultati del Misery Index, il nuovo indicatore di disagio sociale di Confcommercio.

Sorprendenti i dati sul lavoro. Dallo studio emerge che gli italiani lavorano più sia dei tedeschi e sia dei francesi, ma producono di meno. In particolare, gli occupati italiani lavorano 1.774 ore a testa, il 26% in più dei tedeschi e il 20% in più dei francesi. Analizzando invece il Pil per ora lavorata i tedeschi producono il 25% in più degli italiani, i francesi quasi il 40% in più. Confcommercio rileva inoltre che i lavoratori indipendenti in Italia lavorano quasi il 50% in più del dipendente medio, 2.338 ore contro 1.604.

Allerta BCE Mercato del lavoro sempre peggio

Scritto il 14 marzo 2013 alle 18:34 da[email protected]

Allarme Bce: peggiora ancora il mercato del lavoro, nessun miglioramento in vista A soffrire soprattutto costruzioni e industria. Per l’istituto di Francofrote “servono riforme per creare lavoro. Lotta contro la disoccupazione giovanile”. “Le condizioni del mercato del lavoro nell’area dell’euro … Continua a leggere →

CRISI E BLOCCO DEL CREDITO: L’ITALIA STA FALLENDO!

Scritto il 13 marzo 2013 alle 17:13 da Agata Marino

Ripeto e stra ripeto: se non obblighiamo le banche a fare le banche e a imprestare i soldi alle imprese la situazione diventerà sempre più disperata: sino a quando, per un ritardo o per un pagamento andato non a buon … Continua a leggere →

Politica, pagliacci e populismo: perchè in molti ne hanno paura?

Scritto il 8 marzo 2013 alle 11:07 da[email protected]

  Economia e Politica alle prese col “populismo”… ma cos’è..? OPINIONI A CONFRONTO       Che cos’è il populismo e perché in molti ne hanno paura.? Il concetto di populismo va preso così come ce lo descrivono e cioè … Continua a leggere →

Sequester e Austerity: Indebitamento USA peggio della Grecia e a forte rischio di “sindrome Argentina”

Scritto il 7 marzo 2013 alle 13:58 da[email protected]

Altra situazione pericolosa IL DEBITO AMERICANO Un riassunto di un’intervista a .. Laurence J. Koltlikoff, professore di economia all’università di Boston e presidente di Economic Security Planning Inc., personaggio noto in vari ambienti dell’economia americana, scrittore e autore di centinaia … Continua a leggere →

Le ultime Politiche di Grillo: per cessare l’austerità ci vuole il ricatto

Scritto il 6 marzo 2013 alle 12:54 da[email protected]

Un governo per ricattare l’Europa e far cessare l’austerità   Viene Bocciato il governo Monti e chi lo ha sostenuto con maggiore fedeltà, cioè il Pd, visto che il PDL lo ha fatto cadere prima. Le politiche di rigore e austerità … Continua a leggere →

Sistema sanitario nazionale a rischio ma tante parole e i fatti fanno scappare l’ex ministro Balduzzi

Scritto il 5 marzo 2013 alle 15:36 da Agata Marino

Monti: “Servizio sanitario nazionale a rischio” ll Senatore ha lanciato l’allarme: “Potremmo non riuscire più a garantirlo se non si trovano forme di finanziamento non pubbliche”. Immediate le reazioni. Bersani: “No a una sanità solo per ricchi”. La Cgil: “Se … Continua a leggere →

ALTRO RECORD: boom delle imprese protestate

Scritto il 4 marzo 2013 alle 12:49 da Agata Marino

 boom di imprese protestate Nel 2012 un boom di protesti e di sofferenze ha messo in forte difficoltà le piccole e medie imprese. In questa infografica, che riprende i dati della Cgia di Mestre, le imprese protestate divise per regione … Continua a leggere →

 

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Allerta sui poveri in Italia: aumentano di 615 al giorno e sono 4 milioni, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
1 commento Commenta
tesiag
Scritto il 23 marzo 2013 at 10:36

Molto triste. In questi frangenti dovrebbero istituirei tra privati, attraverso la diffusione via internet, i sistemi di baratto di tempo o di servizi. Sarebbero utili come misura temporanea e alternativa all’uso del contante da parte di chi non ne possiede in quantità sufficiente.

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute