Le ultime Politiche di Grillo: per cessare l’austerità ci vuole il ricatto

Scritto il alle 12:54 da [email protected]

Un governo per ricattare l’Europa e far cessare l’austerità

 

Viene Bocciato il governo Monti e chi lo ha sostenuto con maggiore fedeltà, cioè il Pd, visto che il PDL lo ha fatto cadere prima.

Le politiche di rigore e austerità non convincono e non acquistano consenso. Chi si è discostato in tempo (Berlusconi ) salva la pelle (anche se il centrodestra perde circa il 16% rispetto al 2008), chi si è immolato sull’altare della Bce viene sconfitto. 

In particolare vengono sconfitti Bersani (Vendola) e Monti cioè gli stessi che il Financial Times indicava come artefici dell’unico governo possibile dopo le elezioni. Il governo affidabile per l’Unione europea, il Fmi e gli Usa.
Siamo in una situazione greca con Grillo al posto di Syriza.
Grillo è l’unica risposta che ha convinto a livello di massa. Una risposta, generica ma radicale, contro la crisi, l’austerità e una politica di continuità con gli ultimi venti anni, la “casta”. Ci sarà tempo per valutare meglio Grillo ma è indubbiamente l’unica proposta che riesce a stare al passo con i tempi (che non sono tempi facili, evidentemente), in cui si mescolano domande contraddittorie.

A una prima analisi, infatti, non si nutre solo della perdita di consensi del Pdl e della Lega ma pesca a piene mani anche nel Pd e nell’area della sinistra più radicale, spazzata via, forse definitivamente.
Lo scenario è di totale ingovernabilità: difficile immaginare la grande coalizione Berlusconi-Bersani dopo che Monti è praticamente uscito di scena anche se ora sembra essere preso in considerazione da Bersani e con questo si scaverà definitivamente la sua fossa.

Ma in Italia tutto può succedere e la vocazione al suicidio della “sinistra” italiana ha dimostrato di non essere mai esaurita.

E il ricatto di Grillo forse è l’ultima speranza!

Austerity-is-not-working

Ora vi inserisco questo interessante articolo di Sergio Parrinello (*) da Economia e Politica

Sono convinto che i risultati delle recenti elezioni politiche in Italia siano un segnale chiaro e potenzialmente positivo per i paesi forti dell’Unione Europea, come la Germania e la Francia.

Essi sono anche un ammonimento per quei politici italiani abituati ad usare la metafora “Europa” per demonizzare chi invoca o un cambiamento degli accordi europei o, se ciò non fosse realizzabile, qualche sganciamento da quegli accordi.

Sono anche convinto che i maggiori partiti tradizionali italiani, da un lato, e i governi europei, dall’altro, si assumeranno una grande responsabilità se non sfrutteranno appieno tale segnale continuando a dipingere effetti apocalittici per l’Italia, se, con un’altra metafora, il paese “uscisse dall’euro”.

Perché non prefigurare effetti altrettanto apocalittici se si continua a perseverare con le politiche liberiste di austerità? Ora sappiamo, oltre il fatto che l’Italia è un’economia importante per l’Europa, che gli italiani con il voto sanno protestare in modo democratico contro gli effetti ingiusti di trattati ingiusti e che i compiti a casa li deve fare (anche) l’Europa.

L’Italia non è una piccola economia, non è un piccolo debitore e non è un paese dove si può spaventare la maggioranza degli elettori contro cambiamenti dello status quo con vuote minacce verbali o soltanto con la (non vuota) salita dello spread.

L’Italia ha una grande economia, è un grande debitore (con un peso maggiore di quanto lo avrebbe se fosse un piccolo debitore come ci insegna il mondo degli affari) e una parte del suo corpo elettorale non si spaventa a fronte di quelle minacce.

Ciò costituisce una specifica forza contrattuale a livello internazionale e, se i suoi rappresentanti politici fanno gli interessi del proprio paese, questi politici possono usarla in sede di Parlamento Europeo senza bisogno di gridare o di lamentarsi e senza bisogno di assumersi il ruolo di mosche cocchiere quando vi si conseguono i vantaggi di piccole concessioni ottenute.

Finora siamo stati intimiditi nel sentirci ripetere “che cosa succederebbe se l’Italia uscisse dall’Euro”. Il segnale espresso dalle elezioni suggerisce invece il seguente controfattuale alternativo: che cosa succederebbe in Italia e in Europa, se non si allentassero i vincoli di bilancio finora imposti e non si istituisse una Banca Centrale Europea come vero prestatore di ultima istanza. In tale contesto fa parte del gioco discutere senza perdere la calma i costi e benefici di un piano B o C, che costituisca una via resa obbligata di sganciamento dagli attuali accordi di Maastricht, nel caso in cui quei governi europei rimanessero  sordi a tali istanze di cambiamento.

Io credo che il PD con Bersani e il Movimento a Cinque Stelle con Grillo si assumerebbero anch’essi una pesante responsabilità se non trovassero un accordo su pochi punti precisi,  ma che uno di questi punti debba essere un impegno forte per ottenere in sede europea e in tempi brevi una inversione di politica indirizzata all’occupazione ed alla crescita e che la forza di tale impegno deriva dal segnale trasmesso dagli elettori italiani: che la partecipazione dell’Italia all’Europa dell’Euro non durerà a qualsiasi costo economico-politico-sociale.

Una tale minaccia sarebbe credibile e potrebbe avere un effetto-domino per il consenso di altri paesi europei su quella linea strategica.

Sarebbe troppo immaginare una Primavera Europea? Proviamoci

 

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Le ultime Politiche di Grillo: per cessare l'austerità ci vuole il ricatto, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
Tags: , , , , ,   |
Nessun commento Commenta

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute