JPMORGAN CONTI DI INIZIO 2012: UN ROSSO DI 2 MILIARDI !!

Scritto il alle 11:44 da carloscalzotto@finanza

 

La banca presenta i conti di inizio 2012 e annuncia un rosso da 2 miliardi. Sbagliata la strategia sui derivati. Dimon: «Siamo stati stupidi».

Era stato l’eroe del 2008. Jamie Dimon, l’amministratore delegato della banca d’affari americana JpMorgan, era il manager che era riuscito a traghettare fuori dalla crisi (quella che aveva spazzato via Lehman Brothers e messo in serie difficoltà tanti concorrenti, da Merrill Lynch a Goldman Sachs) praticamente senza un graffio.
Ma nessuno è infallibile. E in questo 2012, Dimon ha commesso un “passo falso” che è costato a JpMorgan 2 miliardi di perdite sul trading di derivati.
Il manager fa mea culpa senza giri di parole:  «Una cattiva strategia, eseguita male», con «molti errori», «mancanze» e «cattivo giudizio». source
UNA PERDITA CHE PUÒ PEGGIORARE. Il rosso è maturato in sei settimane. E, al dato, potrebbe aggiungersi un altro miliardo di perdite nel secondo trimestre in seguito a scommesse andate male, portando nel complesso a 3 miliardi le perdite della banca al secondo trimestre.
Scommesse che fanno parlare da un pò di tempo, da quando un mese fa sono iniziate a circolare indiscrezioni su un trader di JPMorgan a Londra, soprannominato la “Balena”, che aveva preso posizioni così grandi sul mercato da scuotere i prezzi dei “credit-default swap”, i derivati sul rischio default.
LA COPERTURA È DIVENTATA IL VERO RISCHIO. Dimon, il mago o il re del Wall Street come è stato soprannominato per aver consentito a JPMorgan di affrontare la crisi meglio dei competitor, si presenta in conference call e viene torchiato dagli analisti. Ma, come di consueto, non lesina risposte secche e chiare, pur ammettendo gli errori e le colpe. Quello che doveva essere un piano di copertura della banca si è rivelato, ammette, un «investimento più rischioso, volatile e meno efficace del previsto».
Da marzo 2012 il chief investment office (Cio) di JPMorgan, la divisione creata per investire i depositi in eccesso, finita nel mirino perchè accusata di effettuare pesanti scommesse di proprietary, ha registrato «significative» perdite: «un errore che ci siamo auto-inflitti. Assumeremo tutte le azioni correttive necessarie».
SI ACCENDE IL DIBATTITO SULLA VOLCKER RULE. Il proprietary trading, la possibilità per la banca di usare i fondi dei risparmiatori per investimenti rischiosi a vantaggio della banca, è un’attività che gli Stati Uniti vogliono mettere al bando con la “Volcker Rule”, e le perdite annunciate dalla banca d’affari hanno riacceso il dibattito fra i favorevoli e i contrari.
Si è trattato di «errori grossolani» che «hanno violato i nostri standard e i principi in base ai quali svolgiamo la nostra attività», mette in evidenza Dimon.
«SE SIAMO STATI STUPIDI NOI NON E’ DETTO CHE LO SIANO GLI ALTRI». L’errore è di JpMorgan e non significa che sia anche di altre banche. Questo è il messaggio. Il fatto che «noi siamo stupidi, non significa che lo sono anche tutti gli altri» afferma.
Le perdite hanno stupito il mercato (nelle contrattazioni after hour JPMorgan è arrivata a perdere il 6,2%) perchè Dimon, ossessionato dai dettagli, è coinvolto in tutte le minuzie della banca. È famoso, racconta la stampa americana, per aggirarsi nel quartier generale dell’istituto con una lista scritta delle cose da fare: un foglio che porta con sè, nel quale sono annotate anche le persone che gli «devono qualcosa», come ad esempio risposte ad alcune domande.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
JPMORGAN CONTI DI INIZIO 2012: UN ROSSO DI 2 MILIARDI !!, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: gooser1973@gmail.com agamarino@gmail.com SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute