ATENE SCHERZA CON IL FUOCO

Scritto il alle 17:56 da carloscalzotto@finanza

Da quasi due anni il governo greco finge di piegarsi alle richieste di partner e creditori, che fingono di credere alle sue promesse.

Ma questa farsa potrebbe presto finire nella tragedia del default.
Costa ogni volta di più far adottare alla Grecia riforme credibili. IL 6 febbraio  si è ripetuta la stessa cosa che si verifica da quasi due anni quando Atene sta per restare senza denaro (il che accadrà molto probabilmente a marzo) e l’Unione Europea deve riprendere a iniettarle risorse in vena.

Tutti sanno che i greci stanno giocando con il fuoco. Questo non sembra però importare a nessuno, ai  greci per primi. Il governo di Lucas Papademos, un tecnocrate che avrebbe dovuto avere l’appoggio di tutti i partiti per adottare le difficili decisioni che George Papandreou non osava prendere, si è rivelato immobilista come quello del suo predecessore.

Ieri, la troika costituita dal Fondo monetario internazionale, la Banca centrale europea e la Commissione Europea ha dovuto minacciare con le pene dell’inferno il governo greco perché accettasse di licenziare 15mila funzionari nel corso del 2012 per ridurre il proprio deficit.

La Grecia ha più di 700mila funzionari pubblici tra i suoi 11 milioni di abitanti, e ha promesso che ridurrà questo numero a 150mila entro il 2015. Però lo fa a passo di tartaruga. Si era già impegnata a tagliarne 32mila l’anno scorso, cifra che alla fine fu ridotta a duemila.

Così vanno le cose in Grecia. La troika chiede di ridurre il salario minimo (più alto che in Spagna), abbassare gli stipendi, eliminare le tredicesime, ridurre le pensioni e diminuire la spesa pubblica, e i politici greci fanno finta di niente. Sono consapevoli che l’Europa ha sbagliato strada con loro, e ne approfittano.

C’erano tre principi che la Germania difendeva come sacrosanti: no bailout (no al salvataggio), no default (no alla bancarotta) e no exit (no all’uscita di denaro). Il primo venne  trasgredito già nel 2010, quando si accettò di salvare Grecia, Irlanda e Portogallo.

Ora i greci scherzano con il secondo (ieri è stata chiesta una relazione al ministro delle finanze con tutti i dettagli di un eventuale default greco). E la sua uscita dall’euro è stata menzionata varie volte durante i negoziati degli ultimi giorni.

Il governo spagnolo non è estraneo a tutto ciò. A Madrid non piace la prospettiva che si apra la porta d’uscita del club dell’euro, perché dietro seguirebbe il Portogallo e non si sa dove potrebbe terminare l’elenco. Però gli piacerebbe che i politici greci prendessero più seriamente la situazione.

“Sapevamo già che i greci sono fatti così. Il problema non è solo economico, ma politico”, afferma un alto funzionario. E la soluzione non sembra stare nella minaccia tedesca di imporre un proconsole o nell’idea francese di creare un conto separato per il denaro destinato al pagamento degli interessi.

I greci non si sono mai sentiti inferiori agli altri europei. Benché la loro economia sia a pezzi, la loro autostima resta enorme. Hanno sempre diffidato dell’idea di Europa, a meno che questa non significhi che Bruxelles finanzi il loro stile di vita. Ma questo lo sapevamo fin dal giorno in cui sono entrati nell’Ue.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
ATENE SCHERZA CON IL FUOCO, 6.3 out of 10 based on 3 ratings
4 commenti Commenta
Scritto il 15 febbraio 2012 at 21:03

manuel.finanza@finanza,

Grazie manuel…

manuel.finanza
Scritto il 16 febbraio 2012 at 02:00

Il tecnocrate Papadimos e come Monti nella TRILATERALE e Bildemberg…sara un caso?
E molto toccante la lettera dell viceministro degli esteri che contro le indicazioni del suo partito si e dimessa sottolineando che la posizione umigliante della CE (era x 25 anni in Buxelles) non si riconosce,perche e contro lo spirito da quando la hanno formata
Non hanno colpa i cittadini Greci se hanno politici corrotti
e quanto di questo debito e andato alla Siemens agli armamenti con bustarelle ,ai banchieri,… come nel 2 video con str in italiano si interoga il eurodeputato
in tanto se decidono di emettere il piano di aiuti andra solo alle banche e a pagare le obbligazioni in scadenza
in tanto 1 su 3 dei privati e fallito, e con la patrimoniale sulla casa staccano la luce se non viene pagata
si profila una guerra tra i poveri come sottolineava un deputato Tedesco inviato in grecia
Non e tolto il dente e finito il problema
i disocupati greci si verserano agli altri paesi della CE

schwefelwolf
Scritto il 16 febbraio 2012 at 11:12

Nella sua edizione odierna la Fankfurter Allgemeine (http://www.faz.net/aktuell/wirtschaft/griechenland-das-land-lebt-seit-seiner-geburt-im-totalen-bankrott-11645836.html) pubblica – “per motivi di attualità” – un articolo dello scrittore francese Edmond About dedicato al fatto che “La Grecia vive in totale bancarotta da quando è nata”. Aspetto interessante: l’articolo è del 1858.

Da allora non è cambiato praticamente nulla. Leggere per credere.

PS. Se lo stesso scrittore fosse andato nel 1858 in Sicilia o in Campania, cosa avrebbe scritto?

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: gooser1973@gmail.com agamarino@gmail.com SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute