Manovra finanziaria Monti: gli estratti conto anche al fisco

Scritto il alle 10:17 da Agata Marino

Buongiorno a tutti, lo sapevate che periodicamente saranno comunicati al fisco tutti i nostri dati finanziari? Dal primo gennaio l’estratto conto sarà inviato in doppia copia a noi e al fisco. Si può sintetizzare così l’effetto dell’ articolo 11 secondo comma della manovra Monti quello indicato all’ emersione della base imponibile. La disposizione toglie l’ultimo vincolo per contrastare l’evasione fiscale posto nel flusso di informazioni tra gli intermediari abilitati e l’agenzia delle entrate: gli operatori finanziari sono obbligati a comunicare periodicamente all’anagrafe le movimentazioni effettuate su tutti i rapporti intrattenuti con la clientela. IN QUESTO MODO IL FISCO UTILIZZERA’ LE INFORMAZIONI PER RAPPOSTI FINANZIARI E PER SELEZIONARE I CONTRIBUENTI DA CONTROLLARE e verranno facilmente alla luce le disparità tra redditi e i volumi d’affari dichiarati e le disponibilità finanziarie detenute dai singoli contribuenti.

In pratica si capovolge totalmente il meccanismo con cui finora sono state costruite le indagini finanziarie. In preecedenza il fisco si muoveva dal soggetto e quindi indagava sul mondo fiscale che ruotava in torno a questo per arrivare al dato, oggi è il contrario.

I rapporti oggetto della comunicazione:

conto corrente, titoli obbligazioni, conto deposito e risparmio, rapporto fiduciario, gestione collettiva del risparmio, gestione patrimoniale, certificati di deposito e buoni fruttiferi, portafoglio conto terzi individuale o globale,cessione indisponibile, cassetta di sicurezza con il rapporto delle entrate, depositi chiusi contratti derivati su titoli carte di credito e di debito, garanzie, crediti, finanziamenti, fondi pensione anche se le polizze sono impignorabili e insequestrabili, patto compensativo, finanziamenti in pool, partecipazioni altri rapporti diversi dai precedenti, extra conto( solo archivio rapporti)

Considerando che il segreto bancario era tramontato con l’istituzione dell’anagrafe nel 2003( non ne sono sicura. al 100%) ma grazie aL Ministro Passera( conoscitore di tutto il sistema bancario) hanno tolto l’ultimo tassello, quello della conoscenza dei movimenti finanziari dei singoli contribuenti, per cui non c’eranoautomatismi informativi, e con oggi è stato risolto il problema, con l’abbrogazione del intervento in materia di indagini finanziarie introdotto con l’articolo 138/2011 in cui si stabiliva che l’agenzia delle entratepu procedere alla elaborazione di specifiche liste selettive di contribuenti da sottoporre a controllo basate su informazioni relative ai rapporti su informazioni comunicanti appunto con l’archivio rapporti.  l’articolo 11 prevede anche uno scambio di informazioni informativo dedicato tra inps e agenzia delle entrate per i dati dei soggetti a cui vengono prestati servizi assistenziali sulla fedeltà dei redditi dichiarati. insomma tuti nudi difronte al fisco.

Segnalo l’analisi sul nostro indice borsa in programma per oggi, potete leggerlo andando QUI

Per tutti gli articoli in programma per oggi andate QUI

 

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
10 commenti Commenta
Scritto il 8 dicembre 2011 at 11:20

Qualche volta penso che gli Italiani siano masochisti… Vorrei capire cosa deve fare il governo per innescare propteste popolari… A questo punto come prossima mossa sono certo che arriveremo alla eleminazione totale del contante cosi’ finalmente non ci sara’ piu’ evasione fiscale, dopodiche voglio vedere come giustificheranno il nuovo deficit… mi ricorda qualcosa questo fatto , hmmm, Apocalisse 13:16-18:

16 Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte;
17 e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome.
18 Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tal cifra è seicentosessantasei.
Fate voi…

Scritto il 8 dicembre 2011 at 11:37

mariothegreat@finanza:
Qualche volta penso che gli Italiani siano masochisti… Vorrei capire cosa deve fare il governo per innescare propteste popolari… A questo punto come prossima mossa sono certo che arriveremo alla eleminazione totale del contante cosi’ finalmente non ci sara’ piu’ evasione fiscale, dopodiche voglio vedere come giustificheranno il nuovo deficit… mi ricorda qualcosa questo fatto , hmmm, Apocalisse 13:16-18:

16 Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte;
17 e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome.
18 Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tal cifra è seicentosessantasei.
Fate voi…

personalmente penso che le proteste, tranne in piccoli casi, non servano a nulla… il popolo italiano solitamente si adegua… brontola e si adegua… chi può se ne va… uno sarebbe contento di pagare più tasse se i servizi funzionassero… ma qui l’unica cosa che funziona bene è lo studiare come prenderli i soldi... ora non dimentichiamoci di una bella tassa… che ci interessa di più( visto che siamo su un blog e un sito di borsa) l’hanno messa sui titoli… per capirci per un dossier titoli pagheranno lo 0.10 del contro valore… mentre nel 2013 l’imposta di bollo salirà a 0.15….il tutto sarà poi consegnato al fisco che valuterà se scrutare nei particolari i nostri versamenti e movimenti… qui ci rimettono i piccoli investitori… chi ha un portafoglio titoli ingente( a parte il controllo) dovrà pagare un massimo di 1200 euro a prescindere da controvalore… sto preparando un articolo su questo argomento… mi va insieme la vista per i vari calcoli :-(

Scritto il 8 dicembre 2011 at 11:58

Ed io li portero’ via…. Se continua cosi’ manco in vacanza ci torno…

Scritto il 8 dicembre 2011 at 12:09

mariothegreat@finanza:
Ed io li portero’ via…. Se continua cosi’ manco in vacanza ci torno…

Oggi mi sono svegliata con un dilemma. Dicono che la soglia di pagamenti in contanti sopra i 1000 euro serva per scoprire l’evasione, cosa risibile, perchè i grandi evasori continueranno ad evadere come hanno sempre fatto…
Ma stanotte ho pensato ad una cosa… se tutti noi ritirassimo i nostri risparmi dalla banche, non ce ne sarebbero per tutti (vedi caos argentina) perchè per ogni X euro versati, la banca può fare x*x euro di credito (ha un nome sta cosa che non ricordo)
..e pensavo: non è che la limitazione dell’uso del contante serve più che altro a coprire la mancanza di denaro contante???

Scritto il 8 dicembre 2011 at 12:16

A pensare male e’ peccato pero’ la maggior parte delle volte ci si azzecca… Siamo al tramonto degli dei, solo che loro non se ne sono ancora accorti…. vedrai che ridere…. A parte gli scherzi basterebbe che il 5% degli Italiani chiudesse il c/c contemporaneamente per far chiudere le banche.. che tramite decreto di legge rifiuterebbe… Mi ricordo qua’ nel 2008 quando ho chiesto 5000 sterline contanti… mi hanno fatto parlare con il direttore… poi il giorno dopo un amico mi ha detto che per 2 ore abbiamo rischiato la chiusura di tutti i bancomat.. e mica avevo il c/c alla banca uretina del godimento… era la lloyds tsb… e pensi che in 3 anni abbiamo risolto i problemi?

Scritto il 8 dicembre 2011 at 12:17

mariothegreat@finanza:
A pensare male e’ peccato pero’ la maggior parte delle volte ci si azzecca… Siamo al tramonto degli dei, solo che loro non se ne sono ancora accorti…. vedrai che ridere…. A parte gli scherzi basterebbe che il 5% degli Italiani chiudesse il c/c contemporaneamente per far chiudere le banche.. che tramite decreto di legge rifiuterebbe… Mi ricordo qua’ nel 2008 quando ho chiesto 5000sterline contanti… mi hanno fatto parlare con il direttore… poi il giorno dopo un amico mi ha detto che per 2 ore abbiamo rischiato la chiusura di tutti i bancomat.. e mica avevo il c/c alla banca uretina del godimento… era la lloyds tsb… e pensi che in 3 anni abbiamo risolto i problemi?

non credo… allora questa potrebbe esere la protesta utile… peccato che è poco realizzabile:-)

Scritto il 8 dicembre 2011 at 12:31

Agata Marino,

E sarebbe un suicidio… il sistema bisogna salvarlo, ma la gente deve avere chiaro nella zucca che uno stato che costa piu’ di quello che guadagna non e’ gestibile nel lungo termine… mi spiace per i milioni di statali, parastatali e paraculo in giro ma bisogna rientrare nelle spese non aumentare le entrate tramite tasse o aumenti di pil, che allo stato attuale oramai sono solo utopie… Prima ci svegliamo meno doloroso sara’ il risveglio…

artes
Scritto il 8 dicembre 2011 at 13:42

Agata Marino: Oggi mi sono svegliata con un dilemma. Dicono che la soglia di pagamenti in contanti sopra i 1000 euro serva per scoprire l’evasione, cosa risibile, perchè i grandi evasori continueranno ad evadere come hanno sempre fatto…
Ma stanotte ho pensato ad una cosa… se tutti noi ritirassimo i nostri risparmi dalla banche, non ce ne sarebbero per tutti (vedi caos argentina) perchè per ogni X euro versati, la banca può fare x*x euro di credito (ha un nome sta cosa che non ricordo)
..e pensavo: non è che la limitazione dell’uso del contante serve più che altro a coprire la mancanza di denaro contante???

ottima deduzionemahh…nn serve a nulla….

perchè se vai dal parrucchiere e spendi 100..puoi pagare contanti…ricevuta niente se vai al mercato idem se vai dal fruttivendolo idem se vai dal dentista per qualche carie iden e potri continuare….evasione nn è questa azzzoooo……devono andare dai pesci piu’ grossi …

balrock
Scritto il 8 dicembre 2011 at 15:26

artes@finanzaonline: ottima deduzionemahh…nn serve a nulla….

perchè se vai dal parrucchiere e spendi 100..puoi pagare contanti…ricevuta niente se vai al mercato idem se vai dal fruttivendolo idem se vai dal dentista per qualche carie iden e potri continuare….evasione nn è questa azzzoooo……devono andare dai pesci piu’ grossi …

li conoscono bene i pesci grossi, ma chissà come mai non ci vanno……….. ciao Flavio

albin0
Scritto il 14 dicembre 2011 at 16:26

Il primo motivo per il quale mi sono registrato è il piacere di poter salutare (e ritrovare) il grande Mario (sperando si ricordi di me…..e di POL :-) e anche la ferratissima Agata che magari mi è anche mezza parente (abbiamo lo stesso cognome), poi, da bancario stressato, mi permetto di proporre (a mo’ di gioco, tanto non lo prenderanno mai neanche in considerazione) un altro “tetto” oltre quello degli stipendi degli statali. Il tetto anche a tutti coloro (dipendenti o dirigenti) che lavorano in Italia….magari alto (diciamo 1 milione di euro) ma metterlo…eviteremmo tutti i problemini legati a, diciamo, una certa finanza creativa che genera surplus (aumentando i rischi del sistema e lo stress dei dipendenti) enormi e bonus altrettanto “imbarazzanti” legati agli stessi….
Che poi se non gli sta bene andassero a lavorare (?!?) fuori, sai che fila per 1 milione di euro l’anno?
Non sarebbe nemmeno configurabile come “fuga di cervelli”
ma questa è una battuta….

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute