Elezioni 2013 viste da GOLDMAN SACHS: C’è quasi una probabilità del 50% che in Italia l’esito sia negativo

Scritto il alle 10:55 da carloscalzotto@finanza

C’è quasi una  probabilità del 50% che in Italia l’esito sia negativo..(per Goldman Sachs).

Promemoria: gli exit poll delle elezioni italiane arriveranno intorno 09:00 (ora americana) e, prima che i mercati USA siano ufficialmente aperti.
La speranza per i mercati mondiali / UE / è che dalle urne esca un esito favorevole ai partiti di centro sinistra, in modo da formare una maggioranza stabile di governo.

Il timore invece, è che ci sarà un grande aumento per i conservatori (Berlusconi) e populisti (Beppe Grillo), facendo un governo insostenibile, con il rischio di una ricaduta delle riforme italiane, causando oneri finanziari più salati, e quindi un riaccendersi della crisi europea

L’Italia riferita al debito è il mercato più grande d’Europa, e la terza più grande del mondo.
Secondo Goldman, potrebbe andare in entrambi i modi:
In ciò che è visto come il risultato più probabile – di un governo di centro sinistra della coalizione – di 10 anni differenziale di rendimento in Germania potrebbe ridursi di 50-75bp rispetto ai livelli attuali.

Ma un risultato considerato quasi come probabile – di un ‘parlamento appeso’ – potrebbe portare alla volatilità del mercato, mentre un accordo tra i gruppi parlamentari è molto probabile.

Dal punto di vista strategico, ribadiamo la nostra posizione costruttiva sulla direzione degli spread UEM, ma manteniamo una preferenza per la Spagna e l’Italia.
E se il Parlamento sarà bloccato, dice Goldman:
Un risultato considerato quasi come probabile, tuttavia, è un’ipotesi di non chiara maggioranza risultante dalla votazione. In caso di una rappresentazione relativamente forte del signor Berlusconi o movimento signor Grillo, le coalizioni guidati dal Sig. Bersani e il signor Monti non avrebbero avuto abbastanza seggi per il controllo del Senato e di conseguenza nella formazione di un futuro governo. source
In tale scenario si prevedono due alternative:
‘Governo di unità nazionale’:

Di fronte alla prospettiva di instabilità politica e soggetta a pressioni politiche internazionali e di mercato, il Presidente Napolitano potrebbe favorire la formazione di un governo di unità nazionale, sulla base di un ordine del giorno specifico e prestabilito, che dovrebbe includere un nuova legge elettorale.

Questa soluzione potrebbe probabilmente attrarre il sostegno di elementi moderati in tutta l’area politica ed eventualmente, col Grillo.

Il governo di transizione risultante potrebbe essere guidato ancora una volta dal senatore Monti, ma sarebbe altamente instabile e con un mandato a breve termine (da 1-2-anni).
I mercati sarebbero molto nervosi fino a quando un accordo non sarà forgiato. Di conseguenza, ci si aspetta un forte aumento della volatilità in questo periodo, con spread in ampliamento a due vie del mercato dei flussi.

Come si chiarirà la situazione dopo la formazione del nuovo governo, i BTP potrebbero stabilizzarsi intorno ai livelli attuali – vale a dire, più ampio di quello previsto dal fattori macro soprattutto a scadenze più lunghe.
Nuove elezioni generali eventuali:
Questo è generalmente considerato come un risultato molto più remoto, perché sembra inutile chiedere nuove elezioni con l’attuale legge elettorale.

La decisione spetta al presidente Napolitano, che ha il potere di sciogliere di nuovo, una o entrambe le Camere.
Dal punto di vista dei mercati, questo risultato potrebbe ingrandire la volatilità, e BTP sarebbero sottoposti a notevole pressione.

Le obbligazioni potrebbero prendere il largo come quelle viste nel mese di novembre 2011 (550bp sulla Germania a 10 anni) e non è irragionevole come ipotesi di lavoro.

In questo scenario un nuovo governo tecnico potrebbe essere richiesto dall’Eurogruppo e dalla BCE come aiuto nel quadro OMT.
Goldman lascia la porta aperta a una possibile vittoria a titolo definitivo da Silvio Berlusconi, che, potenzialmente, una notizia molto sgradita ( dai poteri forti, ovvio!).
Una nota finora: l’affluenza alle urne è giù dalle ultime elezioni del 2008.
Questo è un pò una sorpresa, e potrebbe essere inquietante per la causa della stabilità. Potrebbe significare che i principali partiti di centro sinistra (che sembrano ispirare molto poca passione) vedono i loro sostenitori rimanere a casa, mentre i partiti di protesta (in particolare di Beppe Grillo 5 stelle movimento) sono in aumento.

Questo è solo una possibilità, influenze e simpatie di Goldman si conoscono…intendiamoci  Il tempo è anche cattivo in una gran parte del paese. Alcuni elettori più anziani potrebbero essere rimasti a casa, spero che riescano a votare ;-).
Ne sapremo di più fra poche ore.

ora inserisco una versione grafica Cosa vogliono davvero i partiti. Ecco come la vedono sui temi più caldi: dall’Imu all’immigrazione presa da linkiesta

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Elezioni 2013 viste da GOLDMAN SACHS: C'è quasi una probabilità del 50% che in Italia l'esito sia negativo, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
9 commenti Commenta
atomictonto
Scritto il 25 febbraio 2013 at 11:58

Ma sulle elezioni Italiane stiamo ancora a sentire gli speculatori di Goldman Sachs?
E’ come chiedere al macellaio un parere sul matrimonio futuro tra due maiali.
Penso si debba progressivamente dare meno spazio alle comunicazioni di questi soggetti “finanziari”, le banche di investimento anglo-americane e le agenzie di rating hanno dimostrato palesemente di far parte dello stesso sistema speculativo…uno se la suona e l’altro se la canta.

Scritto il 25 febbraio 2013 at 12:06

atomictonto@finanza,

concordo con te in pieno… ma è una notizia e come tale viene riportata, abbiamo espresso in tutti i modi il dissenso su goldman e altri parenti di certi politici che ci governano… quindi ;-)

tesiag
Scritto il 25 febbraio 2013 at 12:20

gli anziani votano mister B.

il maltempo è una manna, anche se ieri i TG facevano vedere molti anziani che si recavano alle urne nonostante pioggia e neve.

scusate la considerazione off-topic.

Scritto il 25 febbraio 2013 at 12:21

http://finanzanostop.finanza.com/2013/01/04/monti-ecco-il-logo-e-la-suo-nuovo-partito-di-nuovi-che-si-fa-in-quattro/
ricordiamoci chi è il governo Monti che si spaccia per nuovo… a goldman piace il nuovo :wink:

Scritto il 25 febbraio 2013 at 12:22

tesiag@finanza,

a milano c’è stata l’affluenza più alta delle scorse elezioni… nonostante il tempo… vediam

tesiag
Scritto il 25 febbraio 2013 at 12:26

Agata Marino,

qui non c’è il simboletto LIKE come su facebook? comunque vale un like! :D

tesiag
Scritto il 25 febbraio 2013 at 12:27

Agata Marino: qui non c’è il simboletto LIKE come su facebook? comunque vale un like!

credo anch’io che questa volta l’affluenza sarà alta…la gente non è disillusa (come le altre volte)…è proprio inca….ata!

neropece
Scritto il 25 febbraio 2013 at 14:09

minGkia, ogni volta che QUESTI cazzoncelli di Goldman parlano…succede esattamente il contrario :D

Ma su tutto, eh! Mi ricordo ad agosto 2012. Mi ricordo le FIAT, mi ricordo le SAIPEM,….e via cosi’ con le robe che sparano :D

sturmer
Scritto il 25 febbraio 2013 at 20:04

Sono il mio faro guida: tutto quello che dicono, faccio il contrario, e sono sicuro di essere nel giusto!!! :lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol::lol:

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: gooser1973@gmail.com agamarino@gmail.com SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute