Se crolla l’ Euro, chi si salva? Ecco l’ analisi di Merrill Lynch

Scritto il alle 14:19 da [email protected]

Se crolla tutto l’Italia si salva, anzi quasi ci guadagna. Si salva, insieme all’inossidabile Germania, anche un altro Paese in crisi nera, l’Irlanda.

Va male, invece a tutti gli altri. Sembra uno scherzo e invece è un gioco, ma un gioco “serio”, frutto di un’analisi richiesta dalla banca Usa Merrill Lynch…

Immaginate lo scenario peggiore: la Bce non salva l’euro, la Germania non attenua le sue rigidità, la Spagna non chiede aiuti, la Grecia schiacciata dalle pressioni sociali si chiama fuori. Immaginate che salti tutto, che in un giorno X prossimo venturo l’Eurozona si disintegri, e l’Euro come area politca ma soprattutto come moneta, non esista più. Cosa succederebbe? Chi sarebbe a rimetterci e chi a guadagnarci?

Una risposta, basata  sulla a teoria dei giochi, quella che consentì al matematico Steve Nash di prendere il premio Nobel e che è nota anche al grande pubblico grazie al film “A beautiful mind”, arriva da un’analisi di  Bank of America Merrill Lynch. Ed è una risposta che sorprende non poco. Perché se crolla tutto, e non serviva uno studio, se la cavano i tedeschi. Ma se crolla tutto, e questo fa decisamente più impressione, secondo la teoria se la cava anche l’Italia. Che insieme all’Irlanda sarebbe (e il condizionale è assolutamente tassativo e vincolante) il Paese che da un’uscita dall’Euro avrebbe i maggiori benefici.

Ad uscirne con le ossa rotte, invece, sarebbero la Grecia (che benissimo in verità non sta neppure con l’Euro), Portogallo e soprattutto Spagna.  L’analisi, costruita sulal teoria dei giochi, prende in esame i possibili impatti di un’uscita dei diversi Stati dall’eurozona. Ma si limita, osserva Enrico Marro sul Sole 24 ore, a due soli parametri: bilancio pubblico e partite correnti:

“Un po’ troppo semplicistico, ma le conclusioni sono intriganti. In testa alla classifica c’è infatti la solita Germania ma l’Italia arriva al terzo posto, grazie sopratutto al suo avanzo primario; la Francia è solo in nona posizione e la Spagna ultima, dopo la Grecia”. Ipotizzando che la lira si svaluti rispetto all’euro di appena l’11% (un po’ poco, per la verità) e il marco tedesco si apprezzi del 15%, Irlanda e Italia avrebbero benefici dall’uscita dalla moneta unica mentre la Germania verrebbe duramente colpita (con un Pil a -7%). Attenzione però: quella di Bank of America Merrill Lynch è una simulazione divertente ma molto, troppo semplice”. fonte Blitz Quotidiano

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
4 commenti Commenta
kry
Scritto il 31 luglio 2012 at 14:32

La simulazione sarà semplice e divertente ma riguardo all’italia è più che azzeccata e sarebbe ora d’incominciare a farci un pò di sana pubblicità che alla fiducia non guasta mai,visto che è sulla fiducia che dobbiamo lavorare.

atomictonto
Scritto il 31 luglio 2012 at 15:40

“Accelerazione verso il basso per le Borse europee a due ore dalla chiusura della seduta. Il movimento avviene in scia alla diffusione di una notizia battuta da Bloomberg secondo la quale il ministero delle Finanze tedesco, nel testo di un e-mail, avrebbe escluso la necessità di concedere una licenza bancaria al fondo salva-Stati permanente Esm (European Stability Mechanism). I principali indici continentali sono segnalati in territorio negativo, con il Ftse Mib italiano poco al di sopra dei minimi di seduta, in calo dello 0,72% a 13.877 punti.”

Scusate ma io comincio a non capire…ma la Germania si crede di comandare l’intera Europa?!
Che fà, ci caccia tutti col suo 23% di PIL sul totale?!

balrock
Scritto il 31 luglio 2012 at 16:43

atomictonto@finanza:
“Accelerazione verso il basso per le Borse europee a due ore dalla chiusura della seduta. Il movimento avviene in scia alla diffusione di una notizia battuta da Bloomberg secondo la quale il ministero delle Finanze tedesco, nel testo di un e-mail, avrebbe escluso la necessità di concedere una licenza bancaria al fondo salva-Stati permanente Esm (European Stability Mechanism). I principali indici continentali sono segnalati in territorio negativo, con il Ftse Mib italiano poco al di sopra dei minimi di seduta, in calo dello 0,72% a 13.877 punti.”

Scusate ma io comincio a non capire…ma la Germania si crede di comandare l’intera Europa?!
Che fà, ci caccia tutti col suo 23% di PIL sul totale?!

hanno rotto il ca……. si, no, poi di nuovo si, poi forse…………….certo che vogliono comandare loro( i krukken), ma dico, prima di fare certi annunci, siamo pronti a tutto per l’ euro, si dovrebbe sapere a cosa si va in contro………………………………no?
o si fanno solo per far respirare le borse?

perplessa
Scritto il 31 luglio 2012 at 23:39

per i singoli cittadini il conto a continuare a restare nell’euro a quanto ammonta?se stare ell’euro significa svalutare i ns stipendi, le ns pensioni, i profitti delle piccole medie imprese, i ns risparmi in titoli di stato nostrani, non si sa di quanto altro,forse i diretti interessati ci guadagnano a svalutare nell’immediato la lira dell’11 per cento. inoltre fare i sudditi della germania non è simpatico

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute