Rating Cina preoccupa le borse: analizziamo sp500 future

Scritto il alle 13:13 da Agata Marino

Futures americani in calo sulla scia alla preoccupazione che serpeggia sui mercati dopo l’annuncio della revisione al ribasso dei target di crescita della Cina. A circa tre ore dall’opening bell, il future sul sp500  segna un -0,46%, quello sul Nasdaq  un -0,41%.

Attesi questo pomeriggio i dati sull’ISM non manifatturiero Usa a febbraio (atteso a 56,1 contro il precedente 56,8) e quelli sugli ordini di fabbrica a gennaio, attesi in calo dello 0,9% contro l’aumento dell’1,1% dello scorso dicembre già segnalati nell’analisi di artes qui.

Ed ora breve aggiornamento su sp500:

il target rimane sempre a rialzo con obbiettivo 1383 e poi nuovo massimo a 1395, in questo momento siamo sopra il supporto del 4 ore( primo grafico) e da qui per l’intraday c’è da tentare un rimbalzo. Lo stop passa tra 1350 e 54( a voi la scelta in base alle vostre possibilità) e tutto quello che c’è sopra è rialzo. Short alla perdita del supporto citato( 1350) con ultimo baluardo 1347 se perdiamo questo livello inizia il ritraccio sino alla dinamica del canale( parte inferiore), mantenendosi comunque nel trend a rialzo. 

Segnalo l’analisi su eurofx dove troverete nei commenti il grafico daily aggiornato QUI

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Rating Cina preoccupa le borse: analizziamo sp500 future, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
3 commenti Commenta
kry
Scritto il 5 marzo 2012 at 13:30

La crescita cinese potrebbe essere anche inferiore al 7,5%, dipende dagli effetti dello scoppio della bolla immobiliare. Non comprendo come possano credere di fermare l’inflazione al 4,5% pensando di aumentare gli stipendi per stimolare la crescita interna visto che l’esportazione subirà un serio rallentamento data la recessione d’europa e usa.

Scritto il 5 marzo 2012 at 14:08

kry@finanza,

per fermare l’inflazione bisogna mettere in moto il commercio e gli scambi… sino a quando le banche non inseriscono la chiave nei motori non ci muoveremo da qui
Le banche hanno almeno il 50-60% delle imprese a cui prestare denaro senza problemi di rating e oggi, dopo la seconda LTRO di Draghi non hanno neppure più problemi o alibi di liquidità… ma ora puntano i piedi, tanto loro hanno le chiappe al caldo…

Scritto il 5 marzo 2012 at 14:10

in tanto sp500 recupera e il target è 1369 ;-)

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: gooser1973@gmail.com agamarino@gmail.com SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute