Le banche americane si preparano all’Eurocrack, tempo 18-24 mesi

Scritto il alle 19:12 da [email protected]

Lo scrive il quotidiano di economia Financial Times, le banche statunitensi hanno paura della crisi in atto dell’ Europa. Nell’ intervista un banchiere anonimo afferma: La cosa migliore che si possa fare è smobilizzare, ridurre. Ci stiamo preparando a una completa rottura dell’euro nei prossimi 18-24 mesi.” Quindi stanno cercando di ridurre la propria esposizione verso l’ Eurozona, cercando di scrollarsi di dosso il peso degli investimenti che riguardano i paesi a rischio e ricorrendo ai credit default swap per assicurarsi delle coperture.

JPMorgan, Bank of America, Citigroup, Morgan Stanley(che secondo degli insider, è la più esposta verso l’ Europa) e Goldman Sachs hanno ridotto la loro esposizione.

I dati emergono dall’analisi dei bilanci del secondo trimestre 2012, resi noti dagli stessi istituti di credito. JP Morgan avrebbe aumentato la percentuale di bond assicurati dal 52% al 61%. Più significativo il dato di Credit Suisse, la cui percentuale di bond coperti da cds è volata dal 69% al 90%, mentre resta meno rilevante il passaggio dal 60% al 62% di titoli di Stato assicurati dalla concorrente Ubs. fonte

Secondo WallStreetItalia sembra che la riduzione dell’esposizione sia stata chiesta proprio dal governo americano.

Nessun commento Commenta

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute