Crisi Grecia: ricomincia la corsa agli sportelli bancari

Scritto il alle 18:07 da [email protected]

Era già successo nel maggio del 2011, quando dalle banche greche erano stati prelevati circa 1,5 miliardi di euro. I correntisti prelevarono somme da 1.000/2.000 euro fino a 10/15.000, in maggioranza erano pensionati e piccoli risparmiatori che avevano paura dell’ imminente default ellenico, avevano paura del congelamento o della perdita dei loro risparmi. Aziende e privati cittadini a fine marzo 2012 avevano 165 miliardi di euro depositati negli istituti di credito ellenici, ovvero quanto era rimasto dopo che avevano prelevato dai loro conti 72 miliardi a partire dal gennaio 2010.

E’ di oggi l’ annuncio del capo della banca centrale, Provopoulos, il quale riferisce al Presidente Papoulias che sono stati prelevati circa €700 milioni, e la situazione potrebbe peggiorare, ma secondo indiscrezioni di alcune radio greche, in 2 giorni siamo, già a quota 900 milioni di euro. . Dopo il flop della creazione di un nuovo governo si ritornerà alle urne il 17 giugno, regna di nuovo la paura che potrebbe sfociare in panico, soprattutto quello che si teme di più è che Atene possa davvero uscire dalla moneta unica tornando alla dracma.

 

Il rischio di una corsa agli sportelli “è un problema davvero serio e complesso”, ha commentato Yannis Ioannides, professore di economia presso la Tufts University nel Massachusetts. Sostenendo che la Banca centrale europea dovrebbe garantire i depositi dei cittadini dell’euro, per prevenire nuovi devastanti effetti contagio. “Questo l’unico modo per prevenire e contrastare una corsa agli sportelli: non parole ma fatti”.

 

Gli annunci che la Grecia non deve uscire, non vogliamo che esca dall’ euro e sarebbere distrastrosa la sua uscita, restano solo parole che non servono a niente………………..


GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
3 commenti Commenta
kry
Scritto il 16 maggio 2012 at 21:42

…..restano sollo balle che servono ad illudere chi ancora ha un pò di speranza.

Scritto il 16 maggio 2012 at 22:01

kry@finanza:
…..restano sollo balle che servono ad illudere chi ancora ha un pò di speranza.

è si… anche se ad un certo punto manco quelle resteranno

ll64
Scritto il 18 marzo 2013 at 11:24

facendo i conti, anche scontando un 35% di svalutazione legata al ritorno dell’unità di conto-dracma, con successivo incremento del pil e della produttiità, nel giro di 2/3 anni si potrebbe perfino ipotizzare un rischio rivalutazione per eccesso di competitività e
1) i greci pagherebbero con menota svalutata beni e servizi più a buon mercato
2) l’economia si risolleverebbe e nel giro di un qualche tempo la ivalutazione ridarà potere d’acquisto ai capitali che ora si svaluterebbero
3) – e questo sarebbe il risvolto macroeconomino più interessante – la [email protected] se lo andrebbe a prendere :-)

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute