Europa in crisi: 22 ragioni per il collasso economico nel 2012

Scritto il alle 10:25 da [email protected]

Il 2012 sarà l’anno in cui vedremo il collasso economico in Europa? Prima di giudicare il titolo di questo articolo “allarmista, leggiamo i fatti elencati nel resto del pezzo. Nel corso degli ultimi mesi, c’è stata una sorprendente perdita di fiducia nel sistema finanziario europeo. In questo momento, praticamente nessuno vuole prestare denaro alle nazioni finanziariamente compromesse e in difficoltà, grandi banche europee comprese.
Questa crisi del credito nascente in Europa è solo l’inizio della “tempesta perfetta” che arriverà nel 2012. I segnali sono ovunque. In tutta Europa, i governi stanno attuando misure di austerità riducendo drasticamente la spesa. Le banche europee praticano sostanziali tagli ai finanziamenti, per cercare di soddisfare i nuovi requisiti patrimoniali che vengono loro imposti. Nel frattempo, i rendimenti obbligazionari stanno andando alle stelle in tutta Europa, gli investitori perdono la fiducia e la domanda risulta molto più elevata per investire nel debito europeo. È ormai chiaro che senza un miracolo, non pochi paesi europei e un numero significativo di banche europee nel 2012, non saranno in grado di ottenere i finanziamenti dal mercato di cui hanno bisogno. L’unica cosa che bisogna evitare è il crollo totale e finanziario in Europa, ma in questo momento i leader europei sono così impegnati a litigare tra loro che un piano audace sembra fuori questione.
Ora riporto i 22 motivi per cui forse vedremo un collasso economico in Europa nel 2012 ….
1) La Germania potrebbe salvare il resto d’Europa, ma ciò richiederebbe un impegno finanziario senza precedenti, e il popolo tedesco non ha la forza o forse voglia per farlo. E ‘stato stimato che costerebbe in Germania il 7 per cento del PIL per diversi anni al fine di salvare sufficientemente le altre difficili nazioni dell’Unione Europea. Tale importo potrebbe di gran lunga superare le riparazioni incredibilmente opprimenti che la Germania fu costretta a pagare a seguito della prima guerra mondiale
Una serie di recenti indagini hanno dimostrato che il popolo tedesco è fermamente contro il salvataggio nel resto d’Europa.
Per esempio, secondo un recente sondaggio il 57% del popolo tedesco è contro la creazione di eurobbligazioni.
A questo punto, i politici tedeschi si oppongono fermamente a qualsiasi misura che imporrebbe un onere eccessivo per i contribuenti tedeschi, quindi a meno che di un cambiamento, significa che l’Europa non sta per essere salvata dal di dentro.

2) Gli Stati Uniti potrebbero salvare l’Europa, ma l’amministrazione Obama sa che sarebbe davvero difficile da vendere al popolo americano nel corso di una stagione elettorale. Quello che segue è ciò che stampa della Casa Bianca Jay Carney ha detto oggi circa il potenziale per un piano di salvataggio dell’Europa dagli Stati Uniti ….”Questo è qualcosa di cui hanno bisogno per risolvere e che hanno la capacità di risolvere, sia la capacità finanziaria e la volontà politica”

Carney ha anche detto che l’amministrazione Obama non ha intenzione di commettere “risorse aggiuntive” per salvare l’Europa ….

“Non abbiamo in alcun modo credere che le risorse aggiuntive sono necessarie dagli Stati Uniti e dai contribuenti americani”.
3) In questo momento, le banche in tutta Europa sono in modalità deleveraging nel tentativo di soddisfare le nuove esigenze di adeguatezza di capitale entro il prossimo giugno. Secondo il noto giornalista finanziario Ambrose Evans-Pritchard, le banche europee hanno bisogno di ridurre la quantità di prestiti sui loro libri di circa 7 miliardi di dollari al fine di scendere a livelli di sicurezza ….
Le banche europee sono di fronte ad una contrazione pari a 7.000 miliardi dollari di prestito, in modo da portare i loro bilanci in linea con gli Stati Uniti e il Giappone, minacciando di intrappolare la regione in una stretta creditizia con depressione cronica per un decennio.
Che cosa vuol dire?
Ciò significa che le banche europee stanno per essere sempre molto, molto avare con i prestiti.
Ciò significa che sta per diventare veramente difficile acquistare una casa o espandere un business in Europa, e questo significa che l’economia europea sta sensibilmente rallentando.

4) Le banche europee sono sovraccaricate di “asset tossici” e sono disperate nello sbarazzarsi di essi. Proprio come abbiamo visto con le banche degli Stati Uniti nel 2008, le grandi banche europee sono impegnate a cercare di scaricare montagne di beni senza valore che hanno un valore di miliardi di euro, ma praticamente nessuno vuole comprarli .

5) I programmi di austerità dei governi sono ora in corso di attuazione in tutta Europa. Ma i programmi di austerità del governo può avere effetti economici molto negativi. Per esempio, abbiamo già visto cosa l’austerità del governo ha fatto per la Grecia . 100.000 aziende hanno chiuso e un terzo della popolazione ora vive in povertà.
Ma ora i governi di tutta Europa hanno deciso che l’austerità è la strada da percorrere. Di seguito viene da un recente articolo dell’Economist ….Francia i piani di bilancio sono vicino ad essere approvati, ulteriori tagli sono probabili, ma sarà ritardati a dopo le elezioni in primavera. L’Italia deve ancora votare un pacchetto di tagli varati per decreto. Nuovo governo spagnolo ha promesso ulteriori tagli alla spesa, soprattutto in spese regionali, al fine di raggiungere gli obiettivi di deficit concordati con Bruxelles.
6) L’ammontare del debito dovuto da alcune di queste nazioni europee è così grande che è difficile da comprendere. Per esempio, Grecia, Portogallo, Irlanda, Italia e Spagna devono al resto del mondo circa € 3000000000000 combinati.
Quindi cosa serve l’austerità massiccia del governo per nazioni travagliate come la Spagna, il Portogallo, Irlanda e Italia? Ambrose Evans-Pritchard è molto preoccupato per un aumento significativo della disoccupazione per molti di questi paesi ….
Ancora oggi, il tasso di disoccupazione per i giovani è vicino 10% in Giappone. E ‘già 46% in Spagna, in Grecia 43%, 32% in Irlanda, e 27% in Italia. Scopriremo col tempo cosa riserverà il deleveraging del debito per questi paesi.
7) L’Europa era in grado di salvare la Grecia e l’Irlanda, ma non c’è modo che l’Italia possa essere salvata se essa richiedesse un vero e proprio salvataggio.
Purtroppo, l’Italia è nel bel mezzo di una crisi finanziaria enorme mentre scrivo. Il rendimento dei due titoli italiani anni è circa il doppio di quello che era per la maggior parte dell’estate. Non c’è modo che questo sia sostenibile.
Sarebbe difficile sopravvalutare quanto di una crisi, l’Italia rappresenta. Di seguito viene riportato come l’ex manager di hedge fund Bruce Krasting recentemente descritto la situazione attuale ….A questo punto vi è zero possibilità che l’Italia possa rifinanziare qualsiasi parte dei suoi $ 300b del 2012 il debito in scadenza. Se c’è qualcuno al tavolo che pensa ancora che l’Italia può tirare fuori un miracolo, si sbagliano. Sono certo che i ragazzi delle finanze presso la BCE e l’italiano Mario Draghi capiranno questo. Ripeto, c’è una possibilità pari a zero per una soluzione di mercato per l’Italia.
Krasting ritiene che l’Italia dovrà chiedere una gigantesca montagna di denaro da qualche parte o sarà default entro sei mesi e che significherà l’inizio di una depressione globale ….
Penso che la storia italiana è creare o distruggere. O questo diventa default fisso o in Italia in meno di sei mesi. L’opzione di default non è realmente un’opzione che i responsabili politici prenderebbero in considerazione. Se l’Italia non ce la fa, allora ci sarà un suono molto grande di crash. Si finirebbe per togliere la maggior parte degli istituti di credito globale, un discreto numero di paesi seguirebbero nel vortice l’Italia. A mio parere un default italiano certamente porterà ad una depressione globale e ci vorrebbero molti anni per uscirne fuori.

8) Un italiano può essere più vicino ad un default più di quanto molti pensano. Come il Telegraph ha recentemente riferito, solo per rifinanziare debito esistente, il governo italiano deve vendere più di 30 miliardi di euro di nuove obbligazioni entro la fine di gennaio ….
Il nuovo governo in Italia dovrà vendere più di 30 miliardi di euro di nuove obbligazioni entro la fine di gennaio per rifinanziare i propri debiti.
Gli analisti dicono che non c’è garanzia che gli investitori compreranno tutte quelle obbligazioni, che potrebbe costringere l’Italia al default.
Il governo italiano ieri ha detto che in colloqui con il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Nicolas Sarkozy, il Primo Ministro Mario Monti aveva accettato che un crollo italiano “sarebbe inevitabilmente la fine dell’euro”.

9) I paesi europei diversi dal semplice “PIIGS” stanno entrando in una crescente quantità di guai. Per esempio, S & P ha recentemente tagliato il rating del Belgio ad AA .

10) Il downgrade del credito sta arrivando come una furia in tutta Europa. Si vede un nuovo downgrade quasi ogni settimana. Alcune nazioni sono state a volte ridimensionate. Per esempio, Fitch ha declassato il rating del Portogallo di nuovo . A questo punto viene proiettato portoghese che il PIL si ridurrà di circa il 3% nel 2012.
11) Il crollo finanziario dell’Ungheria non ha fatto molto scalpore negli Stati Uniti. Moody ha tagliato il rating del debito ungherese a junk e l’Ungheria ha ora presentato una richiesta formale per l’UE e il Fondo Monetario Internazionale per un salvataggio .

12) Anche la fiducia nel debito tedesco sembra vacillare. La scorsa settimana, la Germania aveva ” una delle sue peggiori aste di bon”.

13) Le banche tedesche stanno cominciando a mostrare segni di debolezza. L’altro giorno, Moody ha declassato il rating di 10 grandi banche tedesche .

14) Come il Telegraph recentemente ha riportato, il governo britannico sta ora facendo piani basati sul presupposto che un crollo dell’euro è “solo una questione di tempo “….
Mentre il governo italiano ha lottato per il prestito e la Spagna ha ritenuto ricerca di un bail-out internazionale, ministri britannici privatamente avvertito che il break-up dell’euro, un tempo quasi impensabile, oggi è sempre più plausibile.
I diplomatici si stanno preparando ad aiutare i britannici all’estero attraverso un collasso bancario e persino previsioni sommosse derivanti dalla crisi del debito.

Il Tesoro ha confermato all’inizio di questo mese che la pianificazione di emergenza per un collasso è in corso.
Un anziano ministro ha ora rivelato il grado di preoccupazione del governo, dicendo che la Gran Bretagna sta ora programmando sulla base di un crollo dell’euro è ormai solo una questione di tempo.

15) L’EFSF avrebbe dovuto contribuire a portare una certa stabilità alla situazione, ma la verità è che l’EFSF è già partito male. E ‘stato riportato che l’EFSF è già stato costretto ad acquistare un gran numero delle sue obbligazioni proprie .

16) Purtroppo, sembra che un assalto alle banche sia già iniziato in Europa. Di seguito viene da un recente articolo su The Economist ….”Stiamo iniziando a testimoniare i segni che le aziende stanno ritirando depositi da banche in Spagna, Italia, Francia e Belgio,” analista di Citi Group ha scritto in un recente rapporto. “Questo è uno sviluppo preoccupante”.

17) La fiducia nelle banche europee è andata letteralmente in frantumi e praticamente nessuno vuole prestare loro i soldi al momento a tal proposito, segnalo questo articolo sulle banche QUI
Il seguente è un breve estratto da un articolo recente CNBC ….

Fondi monetari negli Stati Uniti hanno drammaticamente chiuse le loro finestre prestiti alle banche europee. Secondo l’Economist, Fitch stime americane i fondi del mercato monetario si sono ritirati il ​​42% del loro denaro dalle banche europee in generale. E per la Francia il numero è ancora maggiore – il 69%.

18) Ci sono decine di grandi banche europee che sono in pericolo di fallire. La realtà è che le banche europee più importanti sono sfruttate fino in fondo e sono massicciamente esposte al debito sovrano. Prima di cadere nel 2008, Lehman Brothers è stato sfruttato dal 31-1. Oggi, le grandi banche tedesche sono leveraged 32-1 , e quelle banche sono attualmente in possesso di una massiccia quantità di debito sovrano europeo.

19) Secondo il New York Times, l’economia della UNIONE EUROPEA  è già proiettata a ridursi leggermente l’anno prossimo, e questo non tiene nemmeno conto di ciò che sta per accadere in caso di un totale collasso finanziario.

20) Ci sono già segnali che indicano che l’economia europea sta seriamente rallentando. Gli ordini industriali nella zona euro sono diminuiti del 6,4% nel mese di settembre. Questo è stato il più grande declino che abbiamo visto, dalla crisi finanziaria nel 2008.

21) Il panico e la paura sono ovunque in Europa in questo momento. Indice della Commissione europea di fiducia dei consumatori è sceso per cinque mesi di fila .

22) I Leader europei stanno combattendo molto impegnati l’uno con l’altro a trovare un vero consenso su come risolvere i problemi attuali, ma sembra essere molto lontani in questo momento. Di seguito è come l’Express recentemente descritto le tensioni crescenti tra i leader tedeschi e inglesi ….Il Cancelliere tedesco ha respinto l’opposizione a titolo definitivo di David Cameron a un nuovo livello europeo fiscale finanziaria che avrebbe un impatto devastante sulla città di Londra.E si è rifiutata di essere persuaso dal suo appello per la Banca centrale europea per sostenere l’euro. Mercati monetari sono precipitati dopo il loro mancato accordo. 
Ci siamo fatti un’immagine dopo questi punti?
Il sistema finanziario europeo è in una massiccia quantità di problemi .Ci sono un gran numero di economisti rispettati in tutto il mondo che stanno dicendo che l’Europa è sull’orlo del collasso.
Per esempio, basta controllare che cosa sta dicendo Credit Suisse sulla situazione in Europa ….”Sembra che abbiamo immesso negli ultimi giorni l’euro come noi oggi lo conosciamo Questo non vuol fare un break-up molto probabile, ma significa alcune cose straordinarie Sicuramente è necessario che accada. – Probabilmente entro la metà di gennaio – per impedire la chiusura progressiva di tutti i mercati obbligazionari della zona euro sovrano, potenzialmente accompagnato da percorsi di crescente anche le banche più solide. ”
Molti leader europei stanno parlando dell’integrazione…  con un ” superstato europeo “, per dare una risposta a questi problemi, ma ci vorrebbero anni per attuare drastici cambiamenti, e l’Europa non ha tempo..fonte

Gli altri articoli del Blog, li trovate QUI.

Se volete saperne di più sulla manovra Monti ecco la sezione del blog dove troverete gli articoli QUI

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Europa in crisi: 22 ragioni per il collasso economico nel 2012, 10.0 out of 10 based on 1 rating
11 commenti Commenta
lacan2
Scritto il 9 dicembre 2011 at 10:48

sono pienamente d’accordo … per quanto riguarda l’Italia il risanamento è possibile non a questo costo del debito. Visto che il mercato non presterebbe mai all’italia ad un tasso < al 5%, occorre che qualcuno (FMI, Fondosalvastati, BCE, Pluto o Bux Bunny) lo faccia. Questo rassicurerebbe i mercati non poco, e di riflesso banche. Secondo me, molti politici, dovrebbero studiarsi la teoria dei giochi, capirebbero che comportarsi a questo modo porta al fallimento…

atomictonto
Scritto il 9 dicembre 2011 at 11:00

Ufff…mi scusi ma sono le SOLITE argomentazioni fritte e rifritte da anni dai tifosi del “double dip”, tra l’altro farcite di errori grammaticali, anacoluti linguistici e frasi in alcuni casi incomprensibili (“le banche europee hanno bisogno di ridurre la quantità di prestiti sui loro libri di circa 7 miliardi di dollari al fine di scendere a livelli di sicurezza ….
Le banche europee sono di fronte ad una contrazione pari a 7.000 miliardi dollari di prestito,” non mi sembra molto coerente).
Infine non sono un tecnico finanziario ma un professionista della pubblicità e comunicazione e trovo infantile anche il “condimento” del post…un euro in fiamme, una bomba e un bel “default” sparato rosso e spesso…per non notare come questo sia l’ennesimo, instacabile, continuo POST SPANDI-PANICO dei tifosi del “double dip” che ormai monitoro dal lontano 2009 quano, pieni di acquolina in bocca per il lauto antipasto e primo piatto di short ingurgitato cominciarono a mostrare appetito per il secondo di carne.

Scritto il 9 dicembre 2011 at 11:06

lacan2@finanza:
sono pienamente d’accordo … per quanto riguarda l’Italia il risanamento è possibile non a questo costo del debito. Visto che il mercato non presterebbe mai all’italia ad un tasso < al 5%, occorre che qualcuno (FMI, Fondosalvastati, BCE, Pluto o Bux Bunny) lo faccia. Questo rassicurerebbe i mercati non poco, e di riflesso banche. Secondo me, molti politici, dovrebbero studiarsi la teoria dei giochi, capirebbero che comportarsi a questo modo porta al fallimento…

analizzare la situazione e trovare il conflitto ricercando le soluzioni competitive e cooperative
tramite modelli sarebbe la soluzione ideale… il problema che siamo uniti solo sulla carta… noi non siamo gli stati UNITI… siamo un gruppo di persone” con lingue diverse” che stanno in europa solo per comodo… il problema che quando il nostro vicino soffre… non sono fatti nostri…
quindi la teoria dei giochi non è applicabile manca la razionalità e l’unione

Scritto il 9 dicembre 2011 at 11:15

atomictonto@finanza:
Ufff…mi scusi ma sono le SOLITE argomentazioni fritte e rifritte da anni dai tifosi del “double dip”, tra l’altro farcite di errori grammaticali, anacoluti linguistici e frasi in alcuni casi incomprensibili (“le banche europee hanno bisogno di ridurre la quantità di prestiti sui loro libri di circa 7 miliardi di dollari al fine di scendere a livelli di sicurezza ….Le banche europee sono di fronte ad una contrazione pari a 7.000 miliardi dollari di prestito,” non mi sembra molto coerente).
Infine non sono un tecnico finanziario ma un professionista della pubblicità e comunicazione e trovo infantile anche il “condimento” del post…un euro in fiamme, una bomba e un bel “default” sparato rosso e spesso…per non notare come questo sia l’ennesimo, instacabile, continuo POST SPANDI-PANICO dei tifosi del “double dip” che ormai monitoro dal lontano 2009 quano, pieni di acquolina in bocca per il lauto antipasto e primo piatto di short ingurgitato cominciarono a mostrare appetito per il secondo di carne.

Sei libero di pensarla come vuoi… QUI NON CI SONO TIFOSI non dobbiamo confondere l’essere tifosi con dati di fatto REALI… se non te ne sei accorto siamo in crisi e a rischio ci siamo tutti… scendi dal pero che è meglio… questo articolo lo trovo interessante ed è stato preso da una fonte autorevole… continua ad occuparti di pubblicità e smettila di infangare e di mettere parole in bocca ad altri che non ha detto nessuno… la situazione è molto grave e sono io a dirtelo…UNA LONGHISTA CONVINTA!!! se non ti piace quello che trovi qui o su altri blog non leggere e vai su altri lidi… Buon fine settimana caro pubblicitario

Scritto il 9 dicembre 2011 at 11:26

Agata Marino: Sei libero di pensarla come vuoi…QUI NON CI SONO TIFOSI non dobbiamo confondere l’essere tifosi con dati di fatto REALI… se non te ne sei accorto siamo in crisi e a rischio ci siamo tutti… questo articolo lo trovo interessante ed è stato preso da una fonte autorevole… continua ad occuparti di pubblicità e smettila di infangare e di mettere parole in bocca ad altri che non ha detto nessuno… la situazione è molto grave e sono io a dirtelo…UNA LONGHISTA CONVINTA!!! se non ti piace quello che trovi qui o su altri blog non leggere e vai su altri lidi… Buon fine settimana caro pubblicitario

ahhh…dimenticavo visto che sei pubblicitario ecco i dati di questo blog… sono visite giornaliere… diciamo che qualche cretino come noi ci legge;-) e approfitto per ringraziarli
anche te naturalmente che hai sprecato il tuo tempo preziosissimo abbassandoti a scrivere da noi

Gorky
Scritto il 9 dicembre 2011 at 11:28

Agata la mamma degli stupidi è sempre incinta ;-)
trovo l’articolo interessante ringrazio Carlo e complimeti per le visite e il blog

garro
Scritto il 9 dicembre 2011 at 11:43

Gorky:
Agata la mamma degli stupidi è sempre incinta
trovo l’articolo interessante ringrazio Carlo e complimeti per le visite e il blog

tutti i giornali sono tragici… come lo sono tutte le notizie su internet, in questo blog c’è attenzione per l’analisi tecnica e vengono dati livelli precisi, come una grossa attenzione sulla fondamentale… è un piacere leggervi

balrock
Scritto il 9 dicembre 2011 at 12:03

un Grazie sincero a Gorky e Garro

wilfra62
Scritto il 9 dicembre 2011 at 13:22

Prima dell’avvento del governo dei Professori, la situazione italiana era colpa esclusivamente di Berlusconi & C., lega compresa, e che ora fuggono dalle loro responsabilità. Si chiedeva e si è ottenuto un’altro governo che avrebbe sollevato le sorti dell’Italia. A distanza di alcune settimane, con una manovra che è tutto tranne “salva-Italia” ed equa, che renderà ancora più povero il cittadino italiano, siamo allo stesso punto o addirittura peggio di prima. Allora mi chiedo, visto l’andazzo, visto che i responsabili di questa situazione (le banche in primis) chiedono soldi per il salvataggio, ma non era meglio lasciare qualche euro in piu ai poveri malcapitati italiani e non pensare veramente di tornare alla lira ?? tanto dal quel che sta uscendo sui debiti sovrani e relative speculazioni, perchè qualcuno di tutta questa crisi sicuramente ci sta guadagnando e non poco, si rischia il fallimento dell’euro con il relativo ritorno alle vecchie monete. Mi pare di assistere al lontano 1992 e 1993 quanto topolino “Amato”, e stranamente nell’attuale governo ce ne uno simile, fece due manovre complessive da 120.000 miliari delle vecchie e care lirette, chi si ricorda il provvedimento retroattivo del prelievo forzoso del 6 x 1000 sui conti correnti ??, in quanto l’Italia era in una drammatica situazione finanziaria, ed il contributo straordinario per l’Europa del caro “mortadella” Prodi ?, con promessa di restituzione del 60%, mai visto. Oggi forse stiamo peggio di allora per via della maggiore ed intelligente speculazione. Non sarebbe stato piu giusto dirottare le risorse reperite con la manovra appena varata a salvaguardare l’eventuale reintroduzione della liretta ?? tanto visto l’andazzo ci dovremmo tornare salvo altre manovre di lacrime e sangue non solo dei paesi a rischio ma anche dei paesi considerati fino adesso indenni da qualsiesi tempesta ??

Scritto il 9 dicembre 2011 at 15:26

wilfra62@finanzaonline:
Prima dell’avvento del governo dei Professori, la situazione italiana era colpa esclusivamente di Berlusconi & C., lega compresa, e che ora fuggono dalle loro responsabilità. Si chiedeva e si è ottenuto un’altro governo che avrebbe sollevato le sorti dell’Italia. A distanza di alcune settimane, con una manovra che è tutto tranne “salva-Italia” ed equa, che renderà ancora più povero il cittadino italiano, siamo allo stesso punto o addirittura peggio di prima. Allora mi chiedo, visto l’andazzo, visto che i responsabili di questa situazione (le banche in primis) chiedono soldi per il salvataggio, ma non era meglio lasciare qualche euro in piu ai poveri malcapitati italiani e non pensare veramente di tornare alla lira ?? tanto dal quel che sta uscendo sui debiti sovrani e relative speculazioni, perchè qualcuno di tutta questa crisi sicuramente ci sta guadagnando e non poco, si rischia il fallimento dell’euro con il relativo ritorno alle vecchie monete. Mi pare di assistere al lontano 1992 e 1993 quanto topolino “Amato”, e stranamente nell’attuale governo ce ne uno simile, fece due manovre complessive da 120.000 miliari delle vecchie e care lirette, chi si ricorda il provvedimento retroattivo del prelievo forzoso del 6 x 1000 sui conti correnti ??,in quanto l’Italia era in una drammatica situazione finanziaria, ed il contributo straordinario per l’Europa del caro “mortadella” Prodi ?, con promessa di restituzione del 60%, mai visto. Oggi forse stiamo peggio di allora per via della maggiore ed intelligente speculazione. Non sarebbe stato piu giusto dirottare le risorse reperite con la manovra appena varata a salvaguardare l’eventuale reintroduzione della liretta ?? tanto visto l’andazzo ci dovremmo tornare salvo altre manovre di lacrime e sangue non solo dei paesi a rischio ma anche dei paesi considerati fino adesso indenni da qualsiesi tempesta ??

ma lo ricordo io il 6×1000… mi prelevarono i soldi NON MIEI che dovevo versare alle compagnie… poi sui miei altro prelievo

kry
Scritto il 10 dicembre 2011 at 00:14

E nessuno ricorda che con 50 milioni di $ a leva SOROS è riuscito a far saltare lo SME. Ora con meno soldi si può far saltare l’intera zona € solo perchè non si è voluto mettere un freno alla fanta finanza. Quello che mi preoccupa è che non c’è soluzione. Tutta l’economia è cresciuta grazie al debito,ma non si è fatto nulla per il risparmio energetico e si è puntato su settori come il chimico e il farmaceutico che assomigliano tanto al finanziario tutta una ruberia. L’errore è stato basare tutto sul consumo, a debito e in un momento di tassi bassi che ci ha reso meno consapevoli di quello a cui saremmo andati incontro.

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute