Occhio all’Iran… PETROLIO A 250$

Scritto il alle 16:52 da [email protected]

Come conseguenza di nuove sanzioni…l’Iran minaccia il prezzo del petrolio a 250 $ al barile.

L’Europa si prepara un’embargo petrolifero contro Teheran?!?!

L’Unione Europea amplia il catalogo delle sanzioni contro il regime iraniano. Numerose aziende e individui privati sono nella lista nera, riferita a un divieto assoluto d’affari e viaggi in quel paese. I piani per le sanzioni contro l’industria petrolifera, si preparano ad essere eseguiti alla massima velocità.
Il ministro degli Esteri iraniano ha idee molto chiare per l’Occidente. A causa delle sanzioni attuali ma sopratutto fermando del tutto le importazioni di petrolio dalla Repubblica islamica, il prezzo del petrolio potrebbe salire a più del doppio del prezzo attuale.

L’Unione europea si prepara a vietare le importazioni di petrolio dall’Iran e sanzioni contro il sistema
finanziario del paese. Questo ha detto il ministro degli Esteri francese Alain Juppé, Giovedì 1° dicembre, dopo consultazioni avvenute con i ministri degli Esteri Ue a Bruxelles. Ma né Washington né Bruxelles hanno finora accelerato nel prendere una decisione. L’Iran è il quinto esportatore mondiale di petrolio nel mondo e il 20% delle sue esportazioni vanno verso l’Europa.

“Se questo problema seriamente arriva all’ordine del giorno, sarà probabile che il prezzo del petrolio arriverà a più di 250 $ al barile”, così ha avvertito un portavoce del ministero degli Esteri iraniano sul quotidiano Al-Sharq.

Un rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica era in cerca di emozioni nel mese di novembre. Nella stesura del testo infatti l’organizzazione è “seriamente preoccupata per le possibili dimensioni militari del programma nucleare iraniano”. Di conseguenza, l’Iran ha lavorato almeno fino l’anno scorso allo sviluppo di una bomba nucleare e gli esperimenti condotti per sviluppare questo ordigno. L’Iran continua a mantenere il suo programma nucleare che sarebbe solo e soltanto per scopi pacifici.

A Teheran, credono che né gli Stati Uniti né l’Unione europea possano arrivare ad ulteriori sanzioni, “non credo che la situazione nel mondo e soprattutto in Occidente abbastanza vantaggiosa a sollevare la questione,” ha detto il portavoce Ramin Mehmanparast. Le sanzioni e il problema petrolio-gas, dovrebbero essere imposte solo dopo un’attenta valutazione.

In un’intervista a SPIEGEL ONLINE, l’ambasciatore iraniano a Berlino, Ali Reza Sheikh Attar, ha dichiarato: “Da 33 anni, ci sono sanzioni, siamo abituati, non ci preoccupa, siamo diventati ancora più potenti, ecco la fonte

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
1 commento Commenta
kry
Scritto il 5 dicembre 2011 at 20:25

Petrolio a 250&, inflazione che inevitabilmente sale tassi di interesse magari fermi, ma non sarà la ricetta che ci stanno preparando i politici per sgonfiare il debito pubblico.

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute