Cerca nel Blog

Intervento statale per salvare le banche italiane

Scritto il alle 10:59 da Paolo Cardenà

Come riporta Il Fatto Quotidiano (ma anche altre fonti di stampa come Bloomberg e Il Sole 24 Ore), pare che stia prendendo  sempre più piede l’ipotesi di un piano “B” per la stabilizzazione del sistema bancario italiano. Si tratterebbe di un intervento di 40 miliardi di euro che prevede l’ingresso dello stato nelle banche in difficoltà.

Dopo la nascita di Atlante, il fondo è intervenuto nell’aumento di capitale di Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, impegnando più della metà dei capitali a disposizione. I mercati finanziari conoscono bene la situazione di un nutrito gruppo di banche e anche i limiti del fondo Atlante. Né può essere considerata l’ipotesi di un fondo Atlante bis finanziato con le risorse di altre banche, in quanto finirebbe per indebolire le banche più solide.
Della necessità di un ingresso dello stato nelle banche italiane, ne avevo già parlato in un post di un mese fa (Leggi: Prima che arrivi una crisi bancaria (seria)). L’idea dell’intervento statale è stata rilanciata anche da Giavazzi con un editoriale pubblicato ieri sul Corriere della Sera e del quale abbiamo dato nota QUI

Da Il Fatto Quotidiano


Il piano del governo per aggirare le norme Ue entrando nel capitale delle banche – Dopo i tonfi di venerdì, domenica si erano diffuse indiscrezioni su un presunto piano del governo Renzi per intervenire a gamba tesa entrando addirittura nel capitale degli istituti più deboli con un intervento da 40 miliardi. Operazione delineata in un editoriale di Francesco Giavazzi sul Corriere della Sera, in cui l’economista ipotizzava l’acquisto di azioni da parte dello Stato a dispetto della nuova normativa europea sul bail in. Questo invocando il ricorso a “strumenti alternativi”, consentito in caso di “stress sistemici straordinari“. Lunedì’ Bloomberg dà credito alla notizia, citando “una fonte che ha chiesto di non essere identificata perché i negoziati sono riservati”. Secondo l’agenzia, “il governo sta valutando misure da 40 miliardi di euro” e “potrebbe supportare il credito fornendo capitali o garanzie”. L’ammontare “è ancora in fase di discussione e una decisione finale non è stata presa”.

Mi segnalano che del piano, nella giornata di ieri, se ne era occupato anche Il Sole 24 Ore e mi sembra doveroso proporvi anche il contributo de Il Sole che trovate QUI

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
1 commento Commenta
vuvuzela
Scritto il 28 giugno 2016 at 20:42

finalmente hanno trovato come infilarci legalmente il solito cetriolo nonostante l’ UE. Certo che l’ingegno umano non ha limiti ! Mi consola il fatto che un tempo facevano le guerre per depredare, oggi possono farlo legalmente. Il capitalismo è il miglior sistema per garantire la pace.

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
Commenti dal nostro blog
indici di borsa e principali valute