Monte Dei Paschi: primo passo per togliere il dominio della fondazione

Scritto il alle 09:54 da Agata Marino

Colpo basso verso la Fondazione, che è la depositaria del legame con il territorio ha da sempre tra gli scopi il mantenimento della sede legale e della direzione generale della banca in città, forse hanno capito che una banca non può considerarsi tale se ha certi tipi di vincoli che fa solo interessi personali?.

Si apprende nella bozza del nuovo statuto, elaborata dall’avvocato torinese Angelo Benessia, legale storico dell’ente e fino a pochi mesi fa presidente della Fondazione San Paolo, è stato eliminato un paragrafo del terzo articolo, dove sono elencati gli obiettivi dell’ente.source

«Il mantenimento nella città di Siena della sede della direzione generale della Banca». Non c’è più. Cancellato.
La deputazione, come qui si chiama il consiglio d’amministrazione della Fondazione, ne ha discusso con toni piuttosto accesi nell’adunanza del 10 gennaio 2013. Non è solo questione di campanile.

L’assenza di quel paragrafo che vincola la sede legale al territorio consente molto più facilmente la possibilità di sposare la banca con un altro istituto. E’ una bozza ed è un piccolo passo e c’è poco tempo per approvarla.

Lo statuto rivisto e corretto deve avere l’ok della deputazione entro la fine di febbraio

Ma spieghiamo il motivo del perchè è meglio togliere le fondazioni dalle banche:

la partecipazione incrociata delle poltrone è un problema che affligge tutte le società quotate in borsa, non solamente le bancarie, e non solamente l’Italia. Anche nella prima della classe Germania la solita elìte partecipa i consigli di sorveglianza e i consigli di amministrazione di una pletora di società per azioni.

purtroppo è inutile dire davanti a questo conflitto di interesse quanto senso abbia parlare di concorrenza, divieto di formazione dei trust e oligopoli in un momento di crisi economica e politica, quando i decisori collezionano incarichi a destra e sinistra, e sono fisicamente sempre gli stessi, insomma non mollano le poltrone per nessun motivo al mondo, noi abbiamo molti esempi da parte di nostri politici che hanno come unica professione fatta il politico, non faccio nomi li conoscete già :roll:  .

Ora torniamo a gravissima situazione ma non tanto per la banca che come tutte le il questo periodo non meritano nessun tipo di solidarietà( Grandissime responsabili dìaver bloccato l’economia e stretto il credito alle imprese e alle famiglie) ma ai poveri risparmiatori che come molti hanno investito i sacrifici di una vita in che ritenevano SICURE! A CHI RIDA’ I SOLDI INDIETRO A QUESTE PERSONE?

TOGLIAMO LO STRATO DI MARCIO dal marcio

Separiamo il management delle banche dalla politica.

non è molto chiaro quali siano gli obbiettivi di banche in cui continua a esserci una forte influenza della politica.

Dal comportamento si può notare un influenza permanete tra interessi locali e cicli politici più che dal desiderio di garantire redditività ed efficienza e quindi interessi ai poveri correntisti.
come si potrebbe spezzare questa indegna collaborazione?

bisogna completare il processo di privatizzazione facendo uscire le fondazioni dal capitale delle banche conferitarie

 

Le vere responsabili, dove la politica si annida e raccoglie i frutti sono appunto le fondazioni il canale principale attraverso cui la politica mette le mani sulle banche.

Funziona così: I politici entrano negli organi sociali delle fondazioni, si “puliscono” per un mandato, e da lì passano ai consigli di amministrazione delle banche.

La procedura è talmente collaudata che il codice di autodisciplina recentemente approvato dall’Acri, l’associazione che riunisce la fondazioni, si è stranamente dimenticato di proibire che le fondazioni possano nominare membri dei propri consigli d’amministrazione ai vertici delle banche cui partecipano.

Ora cercherò di documentare e di mettere in luce quanti siano i politici di lunga carriera ai vertici della fondazioni.

E’ giusto ricordare che una certa quota di rappresentanti ai vertici delle fondazioni è di nomina di enti pubblici locali.

Ma nessuno vincola un Consiglio Comunale o Provinciale dal nominare persone competenti ai vertici delle fondazioni, con capacità manageriali e conoscenze specifiche nel terreno di intervento sociale prescelto dalla fondazione in questione.

Cominciamo qui sotto dalla Fondazione Monte Paschi di Siena, il cui vertice è composto per due terzi da politici di professione che, si noti, appartengono all’intero arco politico , , DC ANCHE UNO DI FORZA ITALIA… ECC

Fondazione di Siena

Fonte presa dal sito la Voce

 

mps fondazione

  • GABRIELLO MANCINI

  • ANATRINI FIORENZA

  • MAURIZIO BOTARELLI

  • PAOLO BROGIONI

  • PIETRO BURRESI

  • STEFANO CULICCHI

  • ALESSANDRO GRIFONI

  • FRANCA MARIOTTI

  • MAURO MARIOTTI

  • LIO SCHEGGI

  • VITTORIO GALGANI

  • ENRICO BOSI

  • ENRICO CECCHETTI

  • RICCARDO MARTINELLI

    Schermata 2013-01-27 a 13.55.50

 

 

Se siete sopravvissuti sino alla fine Vi chiedo uno sforzo aggiuntivo leggetevi l’articolo sui politici e Austerità andando QUI 

 

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Monte Dei Paschi: primo passo per togliere il dominio della fondazione , 10.0 out of 10 based on 2 ratings
Nessun commento Commenta

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute