Conti in tasca ai partiti: i Montiani scende in campo Cordero con Italia Futura

Scritto il alle 14:52 da Agata Marino

Dopo aver fatto i conti in tasca al PD( POTETE LEGGERE L’ARTICOLO ANDANDO QUI, eccoci a parlare dei Montiani… tra l’altro suggerisco l’attenta analisi SUL GOVERNO MONTI di Andrea su IcebergFinanza da leggere QUI.

 

Come futuro, se andiamo avanti così, c’è proprio poco, so solo che ci facciamo deridere da mezzo mondo, trovo il palcoscenico politico sempre più variopinto  e ora tocca a Cordero.

Ecco la discesa in campo di un altro condannato (un anno di reclusione per abusi edilizi commessi a Capri se non ci credete leggete QUI) e presidente di Italia Futura (cui solo un rabdomante potrebbe appurarne l’esistenza), il marchese Luca Cordero di Montezemolo, stipendio 2011 pari a 8,7 milioni di euro (presidente Ferrari e Ntv, CdA quotidiano La Stampa, del Gruppo francese PPR-SA, Tod’s, Indesit Company, Campari, Unicredit Banca Impresa, TF1, ad RCS Video, Cinzano International e Itedi, ex presidente Maserati SpA, FIAT, Confindustria ecc) un altro pescecane di scuderia pronto a partecipare (schierandosi) al banchetto unanimamente osannato dalla cricca dei nominati.

Quando sento pronunciare queste parole mi viene voglia di prendere un Malox ecco degli stralci dei discorsi commuoventi di Cordero «È necessario costruire una grande forza popolare, riformatrice e liberale con l’obiettivo di dare consenso elettorale al percorso avviato da Monti» afferma Montezemolo, chiarendo, in una intervista al Corriere della Sera e in un colloquio con Repubblica, che si impegnerà “personalmente perché questo progetto abbia successo” ma “senza rivendicare alcun ruolo o leadership” perché “il problema italiano è cambiare, non comandare. Cambiare un sistema, non qualcuno“.

Occorre, spiega, “che il Paese prenda atto della disponibilità del premier a continuare il suo lavoro”.

E oltre a Monti, “occorre mettere in campo una politica diversa da quelle del passato che ci hanno portato sin qui, in una posizione desolante che l’Italia non merita”.Spingerò l’associazione – dice il nuovo profeta che prospetta benesseri illusori – a dare una mano alla prospettiva di un Monti bis con uomini e donne nuovi.

Con idee nuove.

Per far nascere una nuova politica”.

Niente alleanze, poi, né con il Pdl né con il Pd (ma “dialogo con le persone responsabili”), con qualche altra poltrona di contorno per ingrandire la già grassa collezione di incarichi nei succulenti CdA del BelPaese, perché occorre “dare finalmente un approdo agli elettori liberali, democratici e riformisti” che non si riconoscono nei due principali partiti e non possono essere “condannati a disperdere i loro voto in piccoli partiti” ma in un “grande soggetto che abbia l’ambizione di essere il primo partito” :roll: .

E quindi continuare a mangiare nella mangiatoia della partitocrazia ladrona :wink: .

Tutto, nell’indifferenza inebetita degli italiani, che plaudono al nuovo messia ammirandolo come la mucca quando vede il treno passare.

E la crisi?

Tecnicamente innegabile, continua a favorire la discesa in campo di mercanti di denaro che si riempiono la bocca e soprattutto le tasche, dall’innovazione alla produttività del lavoro, per mantenersi alto il profitto in nome del sistema. Nella logica dei fatti, dopo anni di berlusconismo e piazze belanti di lacrime al vento, la debacle arraffona della porcilaia politicante sta cedendo ceduto il passo alle alchimie di marketing mirate per lo più a traghettare le varie

anime morte già pronte a confluire immacolate nelle nuove creature politiche.

Per continuare a mangiare come hanno fatto tutti, s’intende.

Per il resto inserisco l’immagine che vale più di mille parole e vi linko l’articolo di ieri sui figli

”choosy” del governo Monti

in aggiunta vi riporto un articolo interessante su onorevoli condannati e indagati giusto per gradire :roll: source

Tra il 1994 e il 2008 la partitocrazia ladrona ha speso 570 milioni di euro, ma i rimborsi ricevuti sono stati pari a 2,253,612.233 milioni di euro. Esiste una parte d’Italia che continua a spassarsela alla grande sulla pelle dei contribuenti: i politici. Certamente la cosa più odiosa è il giro di clientele mafiose e di porcherie di ogni genere che i partiti muovono. Di scandalo in scandalo, dunque, la stagione delle ladronerie politiche non finisce mai, mentre la ricchezza, soprattutto quella finanziaria, arrivata a rappresentare centinaia di volte quella reale, si concentra sempre più in pochissime rapaci mani ed è governata dalle leggi del mercato e del profitto a beneficio di un pugno di sfruttatori: Filippo Penati (Partito Democratico), consigliere regionale della Lombardia, il 20 luglio 2011 viene indagato dalla Procura della Repubblica di Monza per concussione e corruzione in merito a presunte tangenti intascate sulla riqualificazione dell’ex Area Falck di Sesto San Giovanni.

Il suo segretario di partito, Pierluigi Bersani, non sapeva nulla :roll: .

Francesco Belsito (Lega Nord), ex vicepresidente Fincantieri, il 10 gennaio 2012, in qualità di Tesoriere della Lega Nord, stanzia oltre 7 milioni di rimborsi elettorali in investimenti in Tanzania, Cipro e Norvegia. Emergono poi altri movimenti sui conti correnti liguri della Lega: assegni per un valore complessivo di 450mila euro. Poi risultano trasferiti dai conti liguri circa 700mila euro ad altri conti correnti della Lega Nord, su cui avrebbe la firma sempre Belsito come amministratore del partito e lo stesso leader e segretario federale Umberto Bossi è stato costretto a chiarire di aver approvato personalmente le operazioni di Belsito e di aver investito all’estero invece che in Btp italiani perché a suo dire l’Italia era a rischio default.

Nel marzo 2012, attraverso un’inchiesta sui finanziamenti della Lega, Belsito viene indagato per le ipotesi di reato di appropriazione indebita e truffa aggravata ai danni dello Stato, proprio in relazione ai finanziamenti pubblici che la Lega percepisce come rimborsi elettorali, e che sarebbero stati utilizzati dalla famiglia Bossi.

Nel mese di maggio Bossi è iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Milano con l’accusa di truffa ai danni dello Stato a causa dello scandalo dei rimborsi elettorali.

Luigi Lusi (Partito Democratico), Senatore della Repubblica ed ex tesoriere della Margherita di Francesco Rutelli, è indagato per aver sottratto i soldi dei rimborsi elettorali in virtù del suo incarico di tesoriere della Margherita, creando una contabilità parallela, che sarebbe sfuggita ai controlli dei revisori dei conti, perché prelevati in piccola quantità. Secondo l’accusa i soldi sarebbero stati trasferiti in Canada, frazionati in novanta bonifici, sul conto della società TTT srl e Paradiso, della quale era unico proprietario. Infine, approfittando dello Scudo Fiscale (una delle tante leggine vergogna del governo Berlusconi), avrebbe fatto rientrare il capitale, investendo in immobili a Roma e in altre provincie, usando i parenti come prestanome e depositando il resto sul proprio conto corrente. Il 31 gennaio 2012 è stato iscritto nel registro degli indagati della Procura della Repubblica di Roma: l’accusa è appropriazione indebita per aver sottratto la somma di circa 13 milioni di euro dalle casse della Margherita Democrazia e Libertà, per scopi personali Ma francesco rutelli non si è accorto di nulla :roll: .

Franco Fiorito (PDL), ex consigliere regionale del Lazio e capogruppo PDL, agli inizi di settembre viene fuori che “er Batman” avrebbe dirottato ingenti quantità di denaro destinato al suo partito ed alla Regione sui suoi conti bancari italiani ed esteri (in due anni, 109 bonifici, dal conto del Pdl al proprio conto corrente, di importo compresi tra 4mila e 8mila euro, per un totale di 753mila euro, riportanti la causale: “Articolo 8 della legge regionale 14/98″). Emerge inoltre una sorta di “sistema” per sfruttare i fondi pubblici, destinati per legge ai vari gruppi consiliari, per fini personali da parte dei singoli consiglieri laziali. Il 12 settembre è dichiarato indagato per peculato. Nomina quale suo difensore l’avvocato Carlo Taormina. Il 18 settembre, la Corte dei Conti stima in 21 milioni di euro, la torta che si sono suddivisi dodici partiti laziali che hanno partecipato alla competizione per le regionali del 28 e del 29 marzo 2010.

Il massimo dei rimborsi è andato alla lista “Renata Polverini presidente” con 2,3 milioni. Il 24 settembre, Renata Polverini(Governatore della Regione Lazio ed ex sindacalista tutta casa e Ior) è costretta alle dimissioni. Il 28 settembre vengono indagati anche amici e parenti di Fiorito, per assegni con addebiti inspiegabili, si configura il reato di associazione per delinquere, mentre lo scandalo sui fondi rubati dai Consigli Regionali del PDL si allarga a Piemonte ed Emilia Romagna.

La vergogna, nel BelPaese con 60 milioni di pecore, continua…

Vi ricordo l’importante articolo che ci riguarda tutti, vi prego di condividerlo e di sottoscrivere… Facciamoci sentire!

NASCE “CONTANTE LIBERO”. QUESTA E’ UNA LOTTA PER LA LIBERTA’, SOSTIENILA!

 

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Conti in tasca ai partiti: i Montiani scende in campo Cordero con Italia Futura , 10.0 out of 10 based on 3 ratings
Nessun commento Commenta

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute