Salute e Farmaci: Epatite C Tocca ad Achillion Pharmaceuticals ($ACHN) sfidare il colosso Gilead Sciences ($GILD)

Scritto il alle 14:50 da gooser

Scambiando qualche commento sul nostro blog con un nostro caro lettore che mi chiedeva quale potesse essere la compagnia, tra quelle che si occupano di farmaci anti epatite C interessante, subito a occhi chiusi ho risposto ($BCRX) BioCryst Pharmaceuticals, Inc.

La mia risposta è corretta ma incompleta perchè anche un’altra compagnia forse ancora più di BCRX potrebbe tornare nuovamente interessante a breve. In realtà abbiamo passato molto tempo sugli eventi binari del calendario biotech che ci ha portato via tanto tempo ed energie e abbiamo perso per strada il titolo che in realtà potrebbe essere il prossimo grande protagonista.

Dopo il fallimento del farmaco di Bristol-Myers Squibb BMS-986094 e l’interruzione dello sviluppo clinico di altri due farmaci di Idenix, Achillion Pharmaceuticals ($ACHN) potrebbe diventare una preda appetibile per quelle aziende che intendono competere con Gilead Sciences nello sviluppo di nuovi anti HCV tutti orali.

Se vi ricordate avevo lanciato un alert a Febbraio 2012, avevamo acquistato il titolo sui rumors di qualche accordo con grosse Biotech e il titolo dagli 8$ era passato ai 12$.

Avevo anche scritto “Qualè il vantaggio di avere ACHN? Adesso ci arriviamo: dati incoraggianti provenienti dagli  studi clinici e la sua probabilità di essere acquistata. ACHN ha una probabilità molto alta di essere acquisita nei prossimi 6 mesi. Sia Pharmasset (VRU) e Inhibitex (INHX) sono state acquisite nel corso degli ultimi 5 mesi con premi follemente di grandi dimensioni. VRU è stato acquistato con un premio dell’81% e INHX con un premio del 182%. ACHN è forse la più speculativa, ma tra tutte è quella che potrebbe essere acquistata più a “buon mercato”.

Lo stock è recentemente tornato indietro dopo un downgrade sopratutto nelle ultime settimane. Ricorda tanto INHX, dopo un mese di guadagno, INHX aveva perso il suo slancio perdendo circa il 40% prima di essere acquisita con un premio del 182%. ACHN sta seguendo la stessa tendenza, dal 12 novembre fino al 13 gennaio il titolo ha più che raddoppiato, ma da allora ha ripercorso INHX perdendo terreno. ACHN ha un buon candidato HCV, e credo che prima o poi qualche Big Pharma farà offerte per l’acquisizione. Tuttavia, il rischio su ACHN è elevato perchè se ciò non dovesse accadere è probabile invece che nel corso del prossimo anno il titolo potrebbe soffrire parecchio.”

Ecco queste ultime frasi che ho messo in grassetto si sono puntualmente verificate. Il titolo dai 12$ è passato agli attuali 6,50$ dopo aver toccato anche i 5,50$.

Vediamo qualche altro dettaglio: Per chi se lo fosse dimenticato Achillion sta sviluppando due nuovi farmaci anti epatite C che hanno ricevuto entrambi lo status di fast track dall’Fda.

ACH-3102, è un potente inibitore di seconda generazione della polimerasi virale NS5B di HVC coinvolta in diverse fasi del ciclo vitale del virus quali la produzione di prioni, l’interazione con le proteine dell’ospite ed è implicata nella resistenza all’interferone. Il farmaco è attivo contro tutti i genotipi di HCV, inclusi l’1a e l’1b e potrebbe offrire vantaggi rispetto agli inibitori di NS5A di prima generazione in quanto negli studi preclinici ha dimostrato di essere efficace contro le mutazioni resistenti del virus. Attualmente in fase I della sua sperimentazione clinica.

ACH-1625. E’ attivo contro la proteasi NS3 ed è attualmente è in fase II di sperimentazione clinica. E’ equipotente contro i genotipi 1a e 1b dell’HCV con una IC50 of di circa 1nM.

I rumors su ACHN ci sono stati in passato e ultimamente se ne sentono nuovamente degli altri. A chi piace ? Merck, Roche, e la stessa Gilead che potrebbe anche decidere di comprarsi la rivale per fare piazza pulita dei possibili competitors. 

Attualmente Achillion Pharmaceuticals vale 477 milioni di dollari. Un’ eventuale acquisizione con premio del 60-70-80% proprio in questi mesi, potrebbe riconoscere un buon premio ai risparmiatori ma che comunque sarebbe inferiore ai 12$ toccati qualche mese fa.

Perchè interessa questa azienda ? Potenzialità di mercato: 1,7 miliardi di dollari del 2010 e che potrebbe raggiungere i 20 miliardi di dollari nel 2020. A trainare la crescita del mercato ci penseranno due nuovi inibitori della proteasi, telaprevir e boceprevir, già disponibili in Usa e Europa. Successivamente a questi farmaci dovrebbero poi aggiungersi i nuovi antiproteasi sviluppati da Pharmasset (comprata da Gilead con un esborso di $10,8 miliardi di dollari), e successivamente i farmaci di  Inhibitex, Achillion, Idenix.

Il noto esperto Adam F. ha soprannominato ACHN definendola “una sposa che aspetta all’altare”. Definizione simpatica ma corretta. Come sapete mi piace mettermi dalla vostra parte e farmi le domande più ovvie possibili (cosa che mi piacerebbe sentire invece da voi nei commenti).

La domanda è la seguente: posso tenere fermi dei soldi aspettando un’acquisizione che magari non arriverà mai ?. Secondo me si perchè non c’e’ solo di mezzo l’acquisizione ma c’e’ altro:

L’azienda ha appena battuto cassa quindi dal punto di vista economico (6,367,853 di azioni al prezzo di $6.57 che portano 41M di $) siamo tranquilli.

Sulle disgrazie di IDIX (IDX184) dove 9 pazienti hanno avuto problemi cardiaci (uno è anche morto)  diventa un vantaggio per ACHN.

I dati fin ora sono promettenti e inoltre si aspettano i dati dell’ACH-3102 a breve……come conseguenza Venerdi in apertura siamo entrati sul titolo.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Salute e Farmaci: Epatite C Tocca ad Achillion Pharmaceuticals ($ACHN) sfidare il colosso Gilead Sciences ($GILD) , 10.0 out of 10 based on 3 ratings
5 commenti Commenta
tosco63
Scritto il 3 settembre 2012 at 15:16

ciao gooser ti seguo domani ne compro un pò anchio ho letto l’articolo su cell ho perso la speranza di rivedere i miei soldi è stata la prima biotech che ho comprato tanti anni fa speriamo bene ma ormai è dura rientrare visto chi dirige l’azienda ciao

Scritto il 3 settembre 2012 at 15:30

tosco63@finanzaonline,

il grosso problema di cell che è talmente scesa che ormai ci vorrebbe un miracolo per recuperare i propri risparmi. Per fortuna ne sono fuori da anni, da quando le ho mollate io non ha fatto altro che scendere. Mi dispiace per chi le ha anche perchè in passato ho realizzato il mio più grosso gain di sempre quindi un po’ ci sono affezionato :oops:

gio76
Scritto il 3 settembre 2012 at 18:23

Grazie Goos… molto interessante!!! :wink:

bedo
Scritto il 3 settembre 2012 at 22:01

grazie Sandro per il post e i pregressi sempre puntuali e interessantissimi che mi ero perso incluso i potenziali gain , mea culpa !!!!!!.
Cercherò di essere più presente.
Visto la brutta figura fatta nel precedente contest quando ne rifai un altro ?
ctic a furia di r/s 1:6 … 1:5 e relative nuove emissioni si sta trasformando in una vera sanguisuga e semmai raggiungesse qualche approvazione da fda dovrebbe raggiungere valori stratosferici per rientrare del capitale. COMUNQUE è ancora 1 fra i titoli più chiaccherati in rete vere sfide a colpi di parolaccie fra chi è short o dice male e chi è long a oltranza , ormai credo più per disperazione che per motivazione . LE MIE LE CONSIDERO ALLA STREGUA DELLA CARTA STRACCIA FINCHE’ JB E’ AL TIMONE DELLA BARACCA.
sandro il pix ha con fda un appuntamento binario?

CIAOOO SaNdRiNo

Scritto il 3 settembre 2012 at 22:25

ciao claudio bentornato, lo so che hai da fare quindi sei perdonato ihihi. Contest bio? certo lo preparo tanto doi date fda ne abbiamo tante!
sul discorso ctic in america prima del 2015 come ha detto bianco non c’é molto da fare! armatevi di pazienza……….. se mi avessi ascoltato avresti un cadavere in meno in portafoglio

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute