Elezioni Grecia 17 giugno: banche centrali pronte a intervenire già domenica

Scritto il alle 20:22 da Agata Marino

Banche centrali pronte ad agire in vista di voto Grecia
Le banche centrali delle maggiori economie mondiali sono pronte a intervenire, in vista del voto di domenica in Grecia. Lo rivelano fonti del G20, secondo le quali le banche centrali sono pronte ad assumere azioni coordinate e ad iniettare liquidita’ per stabilizzare i mercati, nel caso in cui il voto in Grecia dovesse creare turbolenze a dirlo è Bloomberg in un comunicato stampa, tramite la repubblica source . .

Il Paese sembra diviso in due.

Da un lato ci sono i partiti che vogliono continuare a utilizzare l’euro, dall’altra, i partiti favorevoli a un ritorno della dracma. Questi due fronti si contenderanno i voti di un popolo ormai stremato da tasse e disoccupazione, anche se dalle ultime notizie la sinistra più assatanata ha promesso di voler rimanere in EUROPA.

La mia sensazione è che questa volta si riesca a evitare una terza tornata elettorale ” vista la gravità della situazione” è si! perchè se non si trovasse un accordo  l’incarico passerebbe al secondo partito con la più alta percentuale di consensi e così via per i primi tre partiti.

Nel caso non si arrivi a una formazione di un governo, ipotesi questa che escludo, si procede con un terzo turno elettorale”,  Secondo alcune fonti bancarie, i prelievi presso gli sportelli hanno toccato l’enorme cifra di 700 milioni di euro al giorno questa settimana e il governo Greco non può permetterselo, in tanto retromarcia della sinistra che, in prima battuta ,sembrava ostile a rimanere in Europa potete leggere l’articolo andando QUI

Incrociamo le dita e speriamo in un risultato favorevole perchè poi toccherebbe ad altri stai europei tra cui noi…

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Elezioni Grecia 17 giugno: banche centrali pronte a intervenire già domenica, 9.7 out of 10 based on 3 ratings
2 commenti Commenta
Maurizio Negro
Scritto il 16 giugno 2012 at 07:54

Ciao Agata! Il ritorno alla Dracma per un paese come la Grecia che importa più del 90% dei prodotti, non ha materie prime e non è quindi in grado di mettere insieme un minimo di autarchia significherebbe solo una cosa “Collasso economico” con conseguenze catastrofiche.

Scritto il 16 giugno 2012 at 09:01

Maurizio Negro:
Ciao Agata! Il ritorno alla Dracma per un paese come la Grecia che importa più del 90% dei prodotti,non ha materie prime e non è quindi in grado di mettere insieme un minimo di autarchia significherebbe solo una cosa “Collasso economico” con conseguenze catastrofiche.

http://finanzanostop.borse.it/2012/06/05/crisi-europea-luscita-della-grecia-e-leurobonds/
qui ne avevo parlato ciao mauri… è per quello che interverranno già interverrà domenica sera se è necessario… il problema è che sia a destra che a sinistra dicono di voler rimanere in europa… dipende quanto vorranno opporsi ai prestiti che debbono restituire… che comunque ritengo insostenibili

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute