Psico Trader: “I capitalisti e gli altri psicopatici” cercando si scoprono “studi comportamentali” a dir poco “sconcertanti”

  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Wikio
  • Yahoo! Buzz

 

Cercando…cercando si scoprono “studi comportamentali” a dir poco “sconcertanti”

I capitalisti e gli altri psicopatici” è un titolo provocatorio di questo articolo di William Deresiewicz nel New York Times del 12 maggio citando uno studio con il titolo molto esplicito ( Psychopath Financial Next Door ), ove si legge che il 10%

dei lavoratori di Wall Street può essere descritto come “psicopatici clinici” che generalmente mostrano una “mancanza di empatia e di preoccupazione per gli altri, ma che hanno una capacità estrema per la menzogna e la manipolazione.

Un altro studio citato in questo articolo del New York Times (comportamento della classe sociale superiore predice immorale Maggiore ) mostra che vi è una correlazione positiva tra la mancanza di etica e la classe sociale, il che significa che la bugia dei ricchi ha sempre più violato la legge dei più poveri .

Un terzo studio condotto da un medico legale e un amministratore di prigione svizzera, su oltre 26 broker, indica che si tratta di atteggiamenti di disprezzo per il maggiore rischio che qualsiasi mezzo psicopatico e che la più grande fonte di motivazione per il loro comportamento è la distruzione dell’avversario (vedi Gli agenti di cambio più competitivi, disposti a correre rischi di psicopatici e Traders Share More Than Reckless psicopatici Der Spiegel).

Un quarto studio sul comportamento di questi mediatori ci offre risultati molto preoccupanti. Alexandra Michel, professore presso la School of Business della University of Southern California, per nove anni ha seguito le traiettorie di un certo numero di intermediari (vedi Amministrazione Science Quarterly , núm.44 2012,versione pdf qui ). “Embedded” per quasi 100 ore settimanali durante il primo anno dello studio, Alexandra Michel racconta gli effetti enormi sulla salute psicologica dei broker di questi giorni ha lavorato 80-120 ore a settimana in genere è iniziata alle 6 del mattino e termina alle ore 10-12 e descrive la comparsa di insonnia, tachicardia, alcolismo, disturbi alimentari e scatti d’ira e di rabbia.

Ed infine un quinto screening, nella revisione della ricerca sul ​​Wall Street Journal del 15 febbraio ha anche citato un altro studio condotto da Alden Cass, un esperto psicologo clinico nel trattamento dei broker, che parla di come i tassi di depressione cronica di questo gruppo sono il triplo rispetto quelli della popolazione attuale.

 La conclusione? Quando diciamo che i mercati sono irrazionali, in realtà si sta dicendo che è troppo spesso la somma delle decisioni razionali di molti individui in grado di produrre disastrosi risultati collettivi. Questi problemi sono ampiamente studiati nella teoria dei giochi e la teoria dell’azione collettiva e spiegano il perché molto spesso si verificano fenomeni come l’esaurimento delle risorse naturali o corse agli sportelli. Di conseguenza, l’assunzione di razionalità individuale che domina la teoria economica, in cui gli agenti economici si comportano razionalmente e cercano di massimizzare i loro profitti, è perfettamente compatibile con l’aspetto di irrazionalità che percepiamo dall’esterno.

Un’altra cosa sarebbe, come sembrerebbe da questi studi, che non erano i mercati irrazionali ma i commercianti stessi. Immaginate per un momento che le azioni degli operatori delle agenzie di investimento che sono alla base del nostro premio di rischio e dei valori magazzino sarebbe più facilmente spiegabile da una serie di malattie comuni per loro che massimizzare la razionalità, cioè, più per i propri difetti che per le loro virtù. Alcune di queste è stato già suggerito nel lavoro di alcuni dei più recenti premi Nobel in Economia, come Kahenman e Tversky , i cui risultati sui limiti della razionalità degli agenti economici hanno aperto un terreno fertile per capire perché così spesso i comportamenti gli operatori economici sono così ben al di sotto dello standard di comportamento razionale come normalmente ci si aspetterebbe. Ora, l’evidenza empirica continua a darci spunti di riflessione.source

di Jose Ignacio Torreblanca….professore di Scienze Politi che all’Università UNED e direttore della sede di Madrid del Consiglio europeo per le Relazioni Estere.


GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Info su carloscalzotto@finanza

Studio consapevole ed appassionato di economia finanza e trading

Lascia un Commento