EVASIONE FISCALE: I BLITZ DELLA GUARDIA DI FINANZA SONO SOLTANTO FUMO NEGLI OCCHI

Scritto il alle 11:39 da [email protected]

Prendendo spunto dai blitz scenografici delle finanza degli ultimi periodi, mi è venuto spontaneo scrivere questo articolo, e cercare di capire il perché di questa orchestrata manovra delle fiamme gialle, e proprio in questi periodi.

La prima domanda che mi viene spontanea è questa: ma è giusto in tempi di cosi grave crisi economica, fare spettacolari e scenografici blitz a Cortina, Milano, Roma, nei pubblici esercizi e locali commerciali, con tutti i benefici conseguenti per le “missioni” delle fiamme gialle, per scoprire qualche scontrino non battuto (hanno scoperto l’acqua calda !!).

Ma non ci si rende contro che migliaia di negozi ed aziende in tutto il Bel Paese che stanno chiudendo i battenti, e non certo per i pochi mancati scontrini emessi ??.

Il Governo, con Cortina, Milano e Roma, sembra mandare un forte segnale.

Certamente non quello del vero contrasto all’evasione, ma diciamocelo in tutta verità, quello di far dimenticare l’aumento delle tasse.

Che l’evasione fiscale si debba combattere, è fuori discussione, ma deve essere combattuta con metodo, regolarità e serietà sia nei blitz che negli accertamenti, e non con campagne pubblicitarie oltretutto costose per noi cittadini.

Gli ultimi controlli, con annesso effetto mediatico, grazie alla televisione chiamati dagli stessi finanzieri, lasciano il tempo che trovano.

Certo si potrebbe obiettare che in quei giorni gli incassi sono aumentati di circa il 40% rispetto alla settimana precedente, e qui ci sarebbe anche da ridire perché, se vai in prossimità di una festività o ricorrenza locale, per forza di cose gli incassi aumentano, sfido chiunque a dimostrare il contrario.

Dicevamo, che seppure la % di aumento possa sembrare tanto, in realtà è poca cosa e certo non elimina la semplice spettacolarità delle operazioni compiute, il che alla fine si traduce nel classico fumo gettato negli occhi della pubblica opinione.

Da quando hanno iniziato queste ronde, parola che forse i più anziani ricordano con terrore il periodo di riferimento!!, creando lo stesso terrore oggi, avete più sentito nei salotti televisivi di IMU, aumento delle tasse, riduzione di pensionietc.etc…., io francamente no

In realtà per contendere la rabbia crescente della popolazione, e far dimenticare le porcate che hanno attuato, con le continue (e non concluse stangate) del Governo dei “”Tecnici”, l’Agenzia delle Entrate con il via libera dei governanti, ha organizzato ed organizzerà controlli a raffica per mostrare che il fisco non guarda in faccia a nessuno.

Ma chissà perché queste azioni spettacolari vengono attuate solo adesso, chissà perché tutti i vertici delle fiamme gialle dell’Agenzia delle Entrate adesso stanno quasi settimanalmente in televisione?? Ma fino a novembre dov’erano ??, o hanno scoperto solo con l’avvento del Governo Monti dell’evasione.

In un paese civile, noi non lo siamo, certe azioni vanno fatte in sordina, senza creare astio tra gli stessi ceti sociali, che sono stati i più colpiti dalle ultime manovre. Ultimamente ho sentito un mio parente in Australia, e la prima cosa che mi ha detto “ ma è tornato il regime fascista?, con tutte queste ronde organizzate con televisione a seguito che mi rappresentano ?? “, non ho saputo rispondergli e lì ho capito che anche all’estero tali sceneggiate non si sono mai viste, appunto perche sono paesi civilmente e fiscalmente più avanzati del nostro.

Per mesi, anni e forse anche decenni, nessuno ha mai visto in parata a Cortina, Roma, Milano, tante macchine della finanza come negli ultimi periodi. Stranamente, con l’avvento del banchiere Monti & c. si moltiplicano i controlli, ai ristoranti, pizzerie, auto di lusso ed attività commerciali in genere..

Tutto questo, a mio modesto parere, manifesta solo l’impotenza del sistema fiscale italiano, ideato esclusivamente per premere lavoratori dipendenti, pensionati, e piccolissimi imprenditori, lasciamo spazi enormi ai veri grandi evasori di costituire società con sede in paradisi fiscali,  o fare grossi acquisti attraverso società finanziare, che guarda caso hanno collegamenti con il richiedente il finanziamento.

Se davvero si vuole combattere l’evasione si deve permettere a tutti i cittadini, come accade nei paesi civilmente e fiscalmente più evoluti del nostro Bel Paese, di poter detrarre nella propria dichiarazione ogni tipo di spesa, certamente entro certi limiti, in questo modo automaticamente tutti avrebbero l’interesse di farsi rilasciare lo scontrino e fattura che sia. Invece il governo “tecnico” cosa sta facendo?? Sta riducendo le detrazioni esistenti, in modo di far pagare sempre più tasse e sempre agli stessi “”fessi”, oltre che aumentare anche le imposte precedenti.

Ma vi pare logico che noi tutti paghiamo l’IVA, il bollo ACI, canone Rai o tassa di possesso (chiamatela come vi pare tanto in un modo o nell’altro abbiamo sempre torto), accise su benzina, energia elettrica e gas, e su questi stessi importi pagarci ancora altre tasse ? quindi tasse su tasse ? Caro governatore ma qui non esiste un doppia tassazione, oltretutto vietata dal T.U.I.R. (testo unico delle imposte sui redditi) ?, forse questo piccolo particolare è sfuggito a tutti, a me no, ma sono una pecora nera in un gregge bianco.

E che dire sulla tassazione del 6% sulle vincite superiori a 500€ ?, ma da quel che mi risulta i montepremi è già tassato alla fonte, quindi secondo l’attuale legislazione non dovrebbero essere più tassate o sbaglio ?? se le norme sono scritte in italiano corretto, io capisco questo.

Ormai l’Italia sta diventando un paese invivibile, con uno stato di polizia fiscale….. e di terrore che deprime la crescita anziché incoraggiarla, altro che manovra salva Italia e cresci Italia.

Ci deve essere pur qualche motivo logico se nel corso del 2011 hanno chiuso 64000 imprese del terziario, 20000 imprese agricole,  16000 imprese di autotrasporto, e non certo perché evadevano, o se nel corso del 2011 oltre 6000 imprese sono fallite, con un significativo aumento del 35% circa sull’anno precedente.

Invece questo governo non ha fatto altro che continuare a mettere tasse sui soliti noti, che non sono i politici sia chiaro !!, ma dei reali problemi neanche l’ombra. Non c’è un provvedimento che aiuti la crescita, un provvedimento che aiuti i consumi, perché senza consumi non c’è crescita, possono inventarsi tutto quello che c’è da inventarsi ma con questa semplice equazione non si va da nessuna parte.

Non c’è un provvedimento che aiuti occupazione, oggi 1 giovane su 3 è disoccupato, e il nostro caro Premier si permette il lusso di dire “ che il posto fisso è noioso” , ma si vergogni!!.

Tornando dall’America ha detto che è riuscito a convincere gli investitori a stelle e strisce, appunto investitori stessa cricca dei banchieri, purtroppo sfugge il particolare che in Italia c’è gente che “magna” per 10 giorni e per altri venti gli avanzi delle prima decade. Vedremo se questi investitori porteranno lavoro, crescita ed aumento dei consumi in Italia.

Tornando all’evasione, ma i partiti politici ne sono indenni?? Certo che no !!. Mi suona strano che nella Margherita (PD) mancano in cassa soli “13 mln di €, e mai nessuno dico nessuno se ne sia accorto ?? Ma i vertici dove erano? I revisori cosa controllavano?

 Son caduti tutti dalle nuvole, fortuna loro che sotto c’era un bel materasso molto morbido (tacci loro che fortuna!). Questi 13 mln di Euro sono soldi di noi tutti, perché finanziamo queste voragini senza fine e senza vergogna ed anche senza pudore, cacciare  Lusi dal PD è stata la cosa più bestiale che abbiano potuto fare, in questo caso andavano cacciati tutti i dirigenti del PD, i revisori, e chi doveva controllare

Per fermare questa evasione legalizzata basta togliere il finanziamento pubblico ai partiti politici e giornali, anche qui non è che vanno tanto per il sottile, ed investire queste risorse in altro modo, da noi si dice “ prova a togliere il mangiare da sotto il muso del porco e vedi che ti succede”

E che dire del sensatore Conti del PDL, che in un solo giorno ha guadagnato 18 milioni con un immobile di 5 piani di fronte alla fontana di Trevi, comprato il 31 gennaio 2011  a 26mln di euro (beato lui che li aveva questi soldi), e rivenduto lo stesso giorno, udite udite all’ENPAP, alla modica cifra di 44 mln, non dico che questo senatore ha evaso e ci mancherebbe, ma st’affarucci a noi comuni mortali non capitano mai, ma mi vien da chiedere ma l’ENPAP non poteva comprare direttamente l’immobile risparmiando 18 milioni di eurini e risparmiare sulla intermediazione, ops dimenticavo che l’ENPAP, Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per Psicologi, vive con i contributi degli psicologi, e non mi risulta che guadagnano così tanti soldi da permettere al proprio ente un acquisto di 44 mln per cosa poi ? Bah, stranezze italiane.  La compra vendita è regolare sia chiaro, ma tant’è che a distanza di un anno finalmente si è mossa la Procura della Repubblica di Roma e che la magistratura ha aperto un fascicolo per peculato, per truffa per il momento ancora no Come non risulta che il senatore in questione abbia pagato un euro di tasse sulla plusvalenza e che nella propria dichiarazione dichiari così tanto da permettersi l’acquisto a 18 mln. Ma qui il tanto bavoso Befera dov’era?, ed i controllo telematici dell’Agenzia delle Entrate, che tanto fa penare ad un povero cristo che si compra una casa per abitarci o una macchina un po più grossa del solito e che lo becca il giorno dopo ??.

E dov’era l’Agenzia capitanata da Befera,  che solo a manovra Monti approvata si è accorta che in Italia ci sono 180000 barche intestate a persone che guadagnano sotto i 20.000 euro all’anno ?? forse la macchina fiscale s’era inceppata  serviva l’olio miracoloso di Santo Monti.

Combattere l’evasione è più che sacrosanto, ma bisogna farlo con metodo, regolarità e serietà e non con le spettacolari e televisive sortite delle ronde fiscali, e quando dico con serietà, parlo entrando in un esercizio commerciale con modo e garbo e con rispetto, e non come in un blitz poliziesco, “fermi tutti non toccate più niente”, e fare le indagini con serietà e non tanto per far numero e cassa.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
EVASIONE FISCALE: I BLITZ DELLA GUARDIA DI FINANZA SONO SOLTANTO FUMO NEGLI OCCHI, 10.0 out of 10 based on 5 ratings
17 commenti Commenta
atomictonto
Scritto il 15 febbraio 2012 at 12:27

“Gli ultimi controlli, con annesso effetto mediatico, grazie alla televisione chiamati dagli stessi finanzieri, lasciano il tempo che trovano.”

Non sono d’accordo.
Da un mesetto a questa parte sono ricomparsi nelle mie mani scontrini e ricevute che in molti locali e ristoranti non vedevo da anni.
AVANTI COSI.
E poi cosa vuol dire “hanno scoperto l’acqua calda”?
Proprio perchè è cosa stranota gli evasori, un buon 30% dei gestori fa qualche scontrino al giorno ed evade tutto, un 50% ulteriore agli “amici” – ovvero persone che si sa non sono finanzieri – lo scontrino non lo fa mai e solo un 20% è totalmente onesto, di solito perchè già colpito negli nni più volte, vanno “staked down”, perseuitati, finchè non fanno TUTTI gli scontrini, pure agli “amici”.

atomictonto
Scritto il 15 febbraio 2012 at 12:27

atomictonto@finanza:
“Gli ultimi controlli, con annesso effetto mediatico, grazie alla televisione chiamati dagli stessi finanzieri, lasciano il tempo che trovano.”

Non sono d’accordo.
Da un mesetto a questa parte sono ricomparsi nelle mie mani scontrini e ricevute che in molti locali e ristoranti non vedevo da anni.
AVANTI COSI.
E poi cosa vuol dire “hanno scoperto l’acqua calda”?
Proprio perchè è cosa stranota gli evasori, un buon 30% dei gestori fa qualche scontrino al giorno ed evade tutto, un 50% ulteriore agli “amici” – ovvero persone che si sa non sono finanzieri – lo scontrino non lo fa mai e solo un 20% è totalmente onesto, di solito perchè già colpito negli nni più volte, vanno “staked down”, perseuitati, finchè non fanno TUTTI gli scontrini, pure agli “amici”.

intendevo “stalked down”, BRACCATI.

wilfra62
Scritto il 15 febbraio 2012 at 12:51

atomictonto@finanza,

come ho già premesso che l’evasione ci sia e debba essere combattuta è fuori discussione. Ma fatta con equità e serietà e quando dico equità parlo anche dei tantissimi dipendeti pubblici che in malattia fanno il secondo lavoro, nelle ore post lavoro fanno il secondo e terzo lavoro e sfido chiunque a dimostrarmi che questi pagano le dovute tasse, anche nel mio campo ce ne sono di dipendenti pubblici (tutti compresi) che fanno il mio stesso lavoro e non pagano un centesimo di euro, si fanno forte che stanno in posti dove come si muovono fanno danni. dimmi questo come si chiama ?? un volta il caro Di pietro li definì poverini che con un solo stipendio non ce la fanno a vivere in modo decente giustificando le loro seconde attività al “nero”. E che dire dei baby pensionati pubblici che poi fanno anche altro e non pagano niente ?? E che dire che dalle casse dei partiti politici spariscono soldi e che nessuno si accorga mai di nulla, che sembrabo tutti all’oscuro di tutto ?
Che poi si volgia demonizzirare solo una categoria questo non mi sta bene. Ci sono tanti dipendenti pubblici che girano con macchine che io non posso permettermi e mi domando questo prenderà circa 1500/2000 al mese ma come fa ad avere casa e macchina lui e molto probabilmente anche qualche altro componente della famiglia?
AH e poi ti dico con estrema cognizione di causa ma ai controllori chi li controlla ?
Ecco perche non mi sta bene la sceneggiata che stanno attuando, e non ultimo quello di ieri sera a Sanremo, e gia ti dico che nei prossimi giorni boom di scontrini e guarda caso proprio nei giorni del festival che c’è piu affluenza, e questo secondo te è equità e serietà ?
E ti pare giusto che in tutto il mondo si farebbero a pezzi per ospitare le olimpiadi e il “Santo Monti” ci toglie anche questo e che forse un po di occupazione l’avrebbe portata ??
e Ti pare giusto che in un periodo di crisi nera c’è la necessita di costruire un aeroporto a Grazianise, 30 km da Capodichino, ma ti rendi conto a Grazianise, e con i soldi dei poveracci !!

atomictonto
Scritto il 15 febbraio 2012 at 13:36

wilfra62@finanzaonline,

Le distorsioni sono certamente molte, cominciamo dagli esercenti.
Poi si penserà anche al resto, a partire dai dentisti (assurdo, sono 20 anni che viene fuori lo scandaletto delle dichiarazioni da clochàrd…20 anni almeno e vanno avanti imperterriti) passando per i baby-pensionati col lavoretto in nero.
Io personalmente ai baby-pensionati sotto i 50 toglierei proprio la pensione, non dico di chiedergli pure i soldi indietro ma almento smettere di erogare loro dei quattrini presi a 30enni col contratto precario a 1000 euro al mese, un furto legalizzato e senza senso.

wilfra62
Scritto il 15 febbraio 2012 at 14:29

ecco qua il problema sempre e solo dagli esercenti, tanto poi gli altri passano in sordina
per una volta iniziamo ad esaminare le posizioni dei controllori, dipendenti pubblici e privati con doppi e tripli lavori, politici per per finire degli esercenti. Nell’articolo ci sono dati di quante imprese hanno chiuso o sotto procedura fallimentare nel 2011, e certamente non perche abbiano omesso di emettere qualche scontrino di qualche euro.
Ma quanto volte le mogli dei controllori si fanno accompagnare a fare le spesucce e che spesucce dai loro consorti, ovviamente in alta uniforme, con sconti che si avvicinano al 100%.
Leggende metropolitane ? provare per credere !!
Io personalmente almeno fino a ieri, oggi non so ogni volta che sono entrato in un esercizio ho sempre e dico sempre ricevuto lo scontrino, per questo che mi suona molto strano che su 100 esercizi visitati almeno 80 non fanno uno scontrino. Sui dentisti, categoria da te citati, il problema non è solo la mancata emissione dello scontrino, ma se trovano il “lello splendor” di turno per fare la fattura chiedono l’IVA quando l’iva non c’è, e li non si tratta di evasione ma una truffa vera e propria, che dovrebbe essere perseguita penalmente.
Per un anno iniziamo a controllare i “non esercenti” son sicuro che, altro che non scontrini emessi uscirebbe fuori.
Però i sogni non sempre si avverano !!
Come ogni manovra finanziaria, dobbiamo fare questo dobbiamo fare quello, alla fine chi è che paga è sempre Pantalone (lavoratori dipendenti, pensionali ed – cosa strana- gli esercenti)

nikolatrader
Scritto il 15 febbraio 2012 at 15:36

atomictonto@finanza,

Io ti capisco, ma non sarà scatenando le frustrazioni e il dolore di chi non riesce a produrre un reddito accettabile che la situazione si risolverà. Capisco l’odio, il rancore, il fatto che non ti senti abbastanza uomo di fronte alla tua donna, alla tua famiglia, perchè non riesci a garantirgli un tenore di vita elevato. Credimi, anche se non ho mai provato queste sensazioni posso immaginare come ci si sente. E mi dispiace per te. Ma non è auspicando il fascismo fiscale, che poi non reggerà nemmeno molto perchè mancano i presupposti di crescita economica, che migliorerai la tua situazione. Solo con il lavoro e una intelligente gestione finanziaria riuscirai a cambiare in meglio la tua situazione. Te lo auguro di cuire.
Ciao.

nikolatrader
Scritto il 15 febbraio 2012 at 15:38

wilfra62@finanzaonline: Che poi si volgia demonizzirare solo una categoria questo non mi sta bene. Ci sono tanti dipendenti pubblici che girano con macchine che io non posso permettermi e mi domando questo prenderà circa 1500/2000 al mese ma come fa ad avere casa e macchina lui e molto probabilmente anche qualche altro componente della famiglia?

Ma non è impedendo a lui, ammesso anche tu ci riesca, di comprare auto migliori della tua, che uscirai dalla condizione in cui ti trovi. Credimi, ci vuole olio di gomito e volontà, lascia perdere cosa fanno gli altri. Così ti fregheranno ancora e semore, come hanno fatto in passato.
Ciao.

wilfra62
Scritto il 15 febbraio 2012 at 16:01

Per nikola e atomico,
ma mi credete proprio un morto di fame ?
me sa che avete sbagliato proprio personaggio. Il mio sfogo è solo perchè sono stanco e nauseato come la maggior parte degli italiani onesti di queste sceneggiate da stato totalitario fiscale ( 60% di tassazione di redditi) scusate se è poco, mentre loro continuano a prendere mazzette, vacanze gratis, spariscono milioni dei nostri soldi, girano ancora tante mazzette, senza che nessuno alzi un dito !! e s’attaccano a 4 scontrini non emessi.
Qua chiudo !!

Scritto il 15 febbraio 2012 at 16:44

wilfra62@finanzaonline:
Per nikola e atomico,
ma mi credete proprio un morto di fame ?
me sa che avete sbagliato proprio personaggio. Il mio sfogo è solo perchè sono stanco e nauseato come la maggior parte degli italiani onesti di queste sceneggiate da stato totalitario fiscale ( 60% di tassazione di redditi) scusate se è poco, mentre loro continuano a prendere mazzette, vacanze gratis, spariscono milioni dei nostri soldi, girano ancora tante mazzette, senza che nessuno alzi un dito !! e s’attaccano a 4 scontrini non emessi.
Qua chiudo!!

sono con te… diamo il 60% dei nostri introiti ad uno stato che a noi non ci da nulla( una sorta di socio maggioritario che incassa e basta!!)… è questo il dato di fatto e nessuno può obbiettare… e le guerre alle evesioni non si fanno con i 4 scontrini non emessi …bravo will!!

balrock
Scritto il 15 febbraio 2012 at 17:10

Agata Marino: sono con te… diamo il 60% dei nostri introiti ad uno stato che a noi non ci da nulla( una sorta di socio maggioritario che incassa e basta!!)… è questo il dato di fatto e nessuno può obbiettare… e le guerre alle evesioni non si fanno con i 4 scontrini non emessi …bravo will!!

una piccola dimostrazione che pagare tutti le tasse, non contribuisce a pagare meno

recupero dell’ evasione fiscale, trend in crescita


questo invece è il trend SEMPRE IN CRESCITA DELLA PRESSIONE FISCALE

balrock
Scritto il 15 febbraio 2012 at 17:11

li rimetto qua perchè nn li ha caricati

balrock
Scritto il 15 febbraio 2012 at 17:12

boh!!! vabbè linko la fonte direttamente
http://www.movimentolibertario.com/2012/02/14/la-favola-del-pagare-tutti-per-pagare-meno/

kry
Scritto il 15 febbraio 2012 at 21:23

Dalle notizie odierne che arrivano da Napoli non sono solo 4 scontrini che non vengono emessi. Concordo che è una sceneggiata ma al momento accontentiamoci, se i controlli non venissero effettuati ci lamenteremmo che la GDF non fa il suo dovere. Pretendiamo prima noi di ricevere lo scontrino fiscale soprattutto nei locali più “in” dove la maggior parte delle volte ti consegnano pezzi di carta che somigliano a degli scontrini, però sono senza intestazione.
nikolatrader@finanzaonline,

Replicare ad una parte del commento e dare una propria opinione lo trovo ridicolo. Facciamo in modo che il dipendente pubblico preso ad esempio svolga il suo lavoro che è un suo dovere, lascia il posto dove lavora in nero e probabilmente pagherò meno tasse usando lo stesso olio di gomito di prima. Il risultato finale potrebbe essere che le macchine comprate potrebbero essere tre, con due persone più contente di prima.

fbian
Scritto il 16 febbraio 2012 at 01:37

kry@finanza,

Scusami ma è una gran kazzata. Il link postato da Balrock dimostra, anche se non ce ne sarebbe nemmeno bisogno, che nemmeno un euro recuperato dall’evasione serve a diminuire le tasse.
Stato, AdE ed equiladria, tutti ladri e succhiarisorse. Rivolta fiscale, questo ci vorrebbe.

fbian
Scritto il 16 febbraio 2012 at 01:39

wilfra62@finanzaonline:
Per nikola e atomico,
ma mi credete proprio un morto di fame ?
me sa che avete sbagliato proprio personaggio. Il mio sfogo è solo perchè sono stanco e nauseato come la maggior parte degli italiani onesti di queste sceneggiate da stato totalitario fiscale ( 60% di tassazione di redditi) scusate se è poco, mentre loro continuano a prendere mazzette, vacanze gratis, spariscono milioni dei nostri soldi, girano ancora tante mazzette, senza che nessuno alzi un dito !! e s’attaccano a 4 scontrini non emessi.
Qua chiudo!!

Bravissimo, sono con te. E mi meraviglio del fatto che si possa essere in disaccordo con quanto scrivi qui.

nikolatrader
Scritto il 16 febbraio 2012 at 01:54

wilfra62@finanzaonline,

Non ce l’ho con te. Condivido tutto quello che hai scritto nell’articolo. Ma mi da fastidio vedere che poi ne, rispondere ad atomictonto, che al contrario non ha capito niente, te la prendi con i dipendenti pubblici in generale. Ok, hanno delle colpe, ma sono persone che vivono di 1200 euro al mese, non 12000 e la colpa maggiore, quella vera, è di chi ci governa e ci chiede come dite il 60% di tasse. Usura e furto. E’ ora di smetterla. Hanno ribadito che si può essere presidenti di provincia e parlamentari. E’ una vergogna, uno schifo. E noi pecore ancora a pagare le tasse. Finiamola.

kry
Scritto il 16 febbraio 2012 at 09:08

fbian@finanzaonline,

IL link postato non dimostra nulla. Il dato di equitalia non parla di quanto effettivamente incassato e mette le mani avanti nel dire che i politici potrebbero comunque aumentare le spese, da qui risulta elementare che comunque non cambierebbe nulla. Sulla base di questi dati concordo e intanto spero che si continui con controlli ancor più seri e che si possa detrarre quanto ognuno di noi spende volendo ricordare che dal 1° luglio probabilmente i nostri controllori possono visionare i conti correnti.

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
indici di borsa e principali valute