Cerca nel Blog

Cina, durissimo monito della Cina agli Usa e ai suoi alleati, nel caso in cui l’Iran verra’ attaccato da Washington

Stà circolando in rete la notizia che la Cina sia pronta a dichiarare guerra agli USA se decidessero di attaccare l’ Iran:

 

 

Durissimo monito della Cina agli Usa e ai suoi alleati: nel caso in cui l’Iran verra’ attaccato da Washington e qualunque altro paese, Pechino entrera’ subito in azione scegliendo l’opzione militare a favore di Teheran.L’ha detto il presidente cinese Hu Jintao citato da ‘European Union Times‘, organo del Pentagono. A confermare la notizia e’ stato per primo il premier russo, Vladimir Putin, che ha menzionato le parole del capo di stato di Pechino secondo cui l’unica via per fermare l’aggressione occidentale all’Iran e’ quella militare; la Cina adottera’ misure di rappresaglia contro ogni azione ostile alla Repubblica islamica. Le forze marine della Cina sono attualmente in stato di massima allerta dietro l’ordine dello stesso Hu Jintao, il quale secondo Fars News, in un incontro con i capi dell’esercito del suo paese ha promesso di sostenere l’Iran ad ogni costo correndo persino il rischio di entrare nella terza guerra mondiale.

 

La notizia proverrebbe dall’ agenzia iraniana Fars News, la quale è stata ripresa subito dal sito NoCensura.

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...
Cina, durissimo monito della Cina agli Usa e ai suoi alleati, nel caso in cui l'Iran verra' attaccato da Washington , 10.0 out of 10 based on 1 rating
15 commenti Commenta
roirei
Scritto il 24 gennaio 2012 at 21:27

Prepariamoci, non è più il tempo del se ma del quando scoppierà la terza guerra mondiale.

Scritto il 24 gennaio 2012 at 21:58

roirei@finanza:
Prepariamoci, non è più il tempo del se ma del quando scoppierà la terza guerra mondiale.

speriamo di no dai

falci60
Scritto il 24 gennaio 2012 at 22:41

Mi dispiace x i paesi africani ma forse non han capito che sti musi gialli di merda che ora vantano di essere il maggior paese creditizio verso l’africa e vogliono difendere i loro interessi ma se in europa o in america vendono merda forse nessuno o pochi sanno come si comportano i cinesi in africa vendono cose invendibili che fanno veramente schifo un esempio : cavi della luce che se tengono massimo 0.500watt è un miracolo vendono cani x spiedini di carne e oltre mille cose che avrei da dire non sviluppano niente in questi paesi l’altro giorno ho visto dei cinesi in un ristorante africano rifiutare di mangiare un piatto di maiale xche 1,5 euro è troppo x loro ( che era pure fresco e buono cucinato da gente locale? ) se vai da loro un pò di cane a 10euro va bene però!!! io metterei un bel embargo sui prodotti cinesi e vietarli in tutto il mondo a meno che non siano a norma ( come mai secondo la rivista forbes aumentano solo i miliardari cinesi??? )

falci60
Scritto il 24 gennaio 2012 at 22:47

dimenticavo una cosa: poche parole da buon intenditore…..è troppo lunga da spiegare… poi son cose che tutti sanno. ciao :x

Scritto il 24 gennaio 2012 at 22:52

falci60@finanza:
Mi dispiace x i paesi africani ma forse non han capito che sti musi gialli di merda che ora vantano di essere il maggior paese creditizio verso l’africa e vogliono difendere i loro interessi ma se in europa o in america vendono merda forse nessuno o pochi sanno come si comportano i cinesi in africa vendono cose invendibili che fanno veramente schifo un esempio : cavi della luce che se tengono massimo 0.500watt è un miracolo vendono cani x spiedini di carne e oltre mille cose che avrei da dire non sviluppano niente in questi paesi l’altro giorno ho visto dei cinesi in un ristorante africano rifiutare di mangiare un piatto di maiale xche 1,5 euro è troppo x loro ( che era pure fresco e buono cucinato da gente locale? ) se vai da loro un pò di cane a 10euro va bene però!!! io metterei un bel embargo sui prodotti cinesi e vietarli in tutto il mondo a meno che non siano a norma ( come mai secondo la rivista forbes aumentano solo i miliardari cinesi??? )

ritengo i cinesi un popolo pericoloso…A tutti coloro che si interessano alla Cina consiglio vivamente di leggere i libri di Lin – Yutang. Le profezie che faceva negli anni trenta si sono avverate! In questo post quanto ha scritto di lui Giovanni Papini

Cambridge (Mass.), 29 Ottobre

Son riuscito, finalmente a conoscere di persona Lin – Yutang, ch’è il cinese più intelligente che io abbia mai conosciuto. Avevo letto con vivo gusto alcuni suoi libri e mi premeva di saper l’ultime sue opinioni sulla sua patria.

Lin – Yutang è un uomo franco e cordiale; non ha nulla del professore, del pedante,del diplomatico; sorride spesso, anche quando parla di cose serie. Ha voluto rispondere alla mia domanda senza i soliti preamboli precauzionali.

– Il popolo cinese, mi ha detto, è il popolo più pericoloso che sia al mondo e perciò è destinato a dominare la terra. Per secoli e secoli è rimasto chiuso nei confini dell’immenso impero perché credeva che il resto del pianeta non avesse alcuna importanza.

Ma gli Europei e poi i Giapponesi gli hanno aperto gli occhi, gli orecchi e la mente. Hanno voluto stanarci per forza e pagheranno cara la loro cupidigia e la loro curiosità. Da un secolo i cinesi aspettano di vendicarsi e si vendicheranno.

“ La rivolta dei Boxers del 1900 non fu che il primo tentativo, mal condotto e mal riuscito. Ma il popolo cinese è astuto e paziente; ha scelto altre vie. Nel 1910 s’è convertito alla Democrazia ; nel 1948 al comunismo. In realtà i cinesi non sono né conservatori né democratici né comunisti. Sono semplicemente cinesi, cioè una specie umana a parte, che vuol vivere e sopravvivere, che si moltiplica e deve espandersi per necessità biologica più che per ideologia politica.

“ Il popolo cinese è immortale, sempre eguale a se stesso sotto tutte le denominazioni. Né i Tartari, né i Giapponesi, né gli Americani, né i Russi son riusciti o riusciranno a trasformarlo. Esso pullula e dilaga come un gigantesco polipaio tenace e compatto che nessuno straniero riuscirà ad intaccare.

“ Le invasioni non hanno domato, le guerre perdute non l’hanno vinto, le carestie non l’hanno decimato, le infezioni non l’hanno indebolito, l’oppio non l’ha istupidito, le rivoluzioni non l’hanno scosso. Nessun altro popolo può sperare di sopraffarlo e di respingerlo. E’ un popolo scaltro e crudele, popolo di mercanti e d’imbroglioni, di briganti e di carnefici, che sa usare ai suoi fini ora l’inganno e ora la ferocia. E’ destinato, perciò, a diventar padrone del mondo perché gli altri popoli sono più ingenui e più buoni di lui. Ci metterà il tempo che sarà necessario ma il futuro gli appartiene.

“ Quando l’imperatore Guglielmo II, cinquant’anni fa, denunziò il “ pericolo giallo” ebbe il più grande sprazzo di genio di tutta la sua vita. Si beffarono, allora, dell’imperiale uccello di malaugurio ma la storia si prepara a dargli ragione.

“ I cinesi hanno cominciato col mandare avanguardie in tutti i paesi del mondo: in Malesia, nell’Indonesia, in quasi tutte le terre dell’Asia. Vi sono quartieri cinesi a San Francisco e a New York, a Londra e a Parigi. Nel primo dopoguerra i girovaghi cinesi apparvero con la scusa di vender perle false, nelle strade di Berlino e di Roma, di Madrid e del Cairo. Non erano che i primi messaggeri del grande straripamento.

“ I cinesi si son serviti della repubblica di Sum Yat-Sen per liberarsi dei parassiti del vecchio impero Mancia; si son serviti del Bolscevismo per liberarsi dai parassiti della repubblica borghese; si libereranno un giorno o l’altro, sotto una bandiera di comodo, dai parassiti del comunismo. Sono un popolo senza scrupoli, che si serve delle idee ma si rifiuta di esserne schiavo: a loro apparterrà, col tempo, la terra.

“ L’essenziale, per la sterminata massa dei cinesi, è di generar figlioli e di avere abbastanza riso per mantenerli: il resto è fisima, maschera, pretesto. Il loro paese è grande ma è povero epperciò, a poco a poco, saranno spinti a occupare altri paesi. Il Tibet, la Corea, l’Indocina, la penisola di Malacca saranno i primi bocconi. Ma l’appetito vien mangiando.

Non appena avranno un numero sufficiente di armi modernissime nessuno potrà fermarli questi cinquecento milioni d’affamati furbi e crudeli, neppure i duecento milioni di slavi. Già nel Medio Evo i mongoli invasero la Russia e giunsero ai confini dell’Italia; nel nuovo Medio Evo che si prepara essi dilagheranno su tutta l’Europa; l’America riuscirà a salvarsi ma non per sempre. Il”pericolo giallo” diventerà, tra qualche generazione, “il dominio giallo”. Il giallo è, secondo voi occidentali, il colore dell’invidia e del livore: i gialli non possono sopportare l’idea che vi siano razze a loro superiori e le sottometteranno. Il loro dominio non sarà dolce né facile ma nonostante tutto l’impero del Sol Levante diventerà un giorno, sia pure lontano, l’Impero dove il Sole non si leva né tramonta mai”.

– Dite sul serio? Ho chiesto a Lin – Yutang.

– Non v’è nulla di più serio, Mr.Gog, mi ha risposto il geniale cinese ed è scoppiato in una bella risata, così allegra inestinguibile che mi ha spaventato. Non riusciva più a dir parola e quando l’ho lasciato rideva ancora.

Tratto da “ IL LIBRO NERO”

di Giovanni Papini 1952
ed in tanto stanno comprando i debiti delle più grandi nazioni…

yaldus
Scritto il 25 gennaio 2012 at 10:11

Agata Marino: ritengo i cinesi un popolo pericoloso…A tutti coloro che si interessano alla Cina consiglio vivamente di leggere i libri di Lin – Yutang. Le profezie che faceva negli anni trenta si sono avverate! In questo post quanto ha scritto di lui Giovanni Papini

Cambridge (Mass.), 29 Ottobre

Son riuscito, finalmente a conoscere di persona Lin – Yutang, ch’è il cinese più intelligente che io abbia mai conosciuto. Avevo letto con vivo gusto alcuni suoi libri e mi premeva di saper l’ultime sue opinioni sulla sua patria.

Lin – Yutangè un uomo franco e cordiale; non ha nulla del professore, del pedante,del diplomatico; sorride spesso, anche quando parla di cose serie. Ha voluto rispondere alla mia domanda senza i soliti preamboli precauzionali.

– Il popolo cinese, mi ha detto, è il popolo più pericoloso che sia al mondo e perciò è destinato a dominare la terra. Per secoli e secoli è rimasto chiuso nei confini dell’immenso impero perché credeva che il resto del pianeta non avesse alcuna importanza.

Ma gli Europei e poi i Giapponesi gli hanno aperto gli occhi, gli orecchi e la mente. Hanno voluto stanarci per forza e pagheranno cara la loro cupidigia e la loro curiosità. Da un secolo i cinesi aspettano di vendicarsi e si vendicheranno.

“ La rivolta dei Boxers del 1900 non fu che il primo tentativo, mal condotto e mal riuscito. Ma il popolo cinese è astuto e paziente; ha scelto altre vie. Nel 1910 s’è convertito alla Democrazia ; nel 1948 al comunismo. In realtà i cinesi non sono né conservatori né democratici né comunisti. Sono semplicemente cinesi, cioè una specie umana a parte, che vuol vivere e sopravvivere, che si moltiplica e deve espandersi per necessità biologica più che per ideologia politica.

“ Il popolo cinese è immortale, sempre eguale a se stesso sotto tutte le denominazioni. Né i Tartari, né i Giapponesi, né gli Americani, né i Russi son riusciti o riusciranno a trasformarlo. Esso pullula e dilaga come un gigantesco polipaio tenace e compatto che nessuno straniero riuscirà ad intaccare.

“ Le invasioni non hanno domato, le guerre perdute non l’hanno vinto, le carestie non l’hanno decimato, le infezioni non l’hanno indebolito, l’oppio non l’ha istupidito, le rivoluzioni non l’hanno scosso. Nessun altro popolo può sperare di sopraffarlo e di respingerlo. E’ un popolo scaltro e crudele, popolo di mercanti e d’imbroglioni, di briganti e di carnefici, che sa usare ai suoi fini ora l’inganno e ora la ferocia. E’ destinato, perciò, a diventar padrone del mondo perché gli altri popoli sono più ingenui e più buoni di lui. Ci metterà il tempo che sarà necessario ma il futuro gli appartiene.

“ Quando l’imperatore Guglielmo II, cinquant’anni fa, denunziò il “ pericolo giallo” ebbe il più grande sprazzo di genio di tutta la sua vita. Si beffarono, allora, dell’imperiale uccello di malaugurio ma la storia si prepara a dargli ragione.

“ I cinesi hanno cominciato col mandare avanguardie in tutti i paesi del mondo: in Malesia, nell’Indonesia, in quasi tutte le terre dell’Asia. Vi sono quartieri cinesi a San Francisco e a New York, a Londra e a Parigi. Nel primo dopoguerra i girovaghi cinesi apparvero con la scusa di vender perle false, nelle strade di Berlino e di Roma, di Madrid e del Cairo. Non erano che i primi messaggeri del grande straripamento.

“ I cinesi si son serviti della repubblica di Sum Yat-Sen per liberarsi dei parassiti del vecchio impero Mancia; si son serviti del Bolscevismo per liberarsi dai parassiti della repubblica borghese; si libereranno un giorno o l’altro, sotto una bandiera di comodo, dai parassiti del comunismo. Sono un popolo senza scrupoli, che si serve delle idee ma si rifiuta di esserne schiavo: a loro apparterrà, col tempo, la terra.

“ L’essenziale, per la sterminata massa dei cinesi, è di generar figlioli e di avere abbastanza riso per mantenerli: il resto è fisima, maschera, pretesto. Il loro paese è grande ma è povero epperciò, a poco a poco, saranno spinti a occupare altri paesi. Il Tibet, la Corea, l’Indocina, la penisola di Malacca saranno i primi bocconi. Ma l’appetito vien mangiando.

Non appena avranno un numero sufficiente di armi modernissime nessuno potrà fermarli questi cinquecento milioni d’affamati furbi e crudeli, neppure i duecento milioni di slavi. Già nel Medio Evo i mongoli invasero la Russia e giunsero ai confini dell’Italia; nel nuovo Medio Evo che si prepara essi dilagheranno su tutta l’Europa; l’America riuscirà a salvarsi ma non per sempre. Il”pericolo giallo” diventerà, tra qualche generazione, “il dominio giallo”. Il giallo è, secondo voi occidentali, il colore dell’invidia e del livore: i gialli non possono sopportare l’idea che vi siano razze a loro superiori e le sottometteranno. Il loro dominio non sarà dolce né facile ma nonostante tutto l’impero del Sol Levante diventerà un giorno, sia pure lontano, l’Impero dove il Sole non si leva né tramonta mai”.

– Dite sul serio? Ho chiesto a Lin – Yutang.

– Non v’è nulla di più serio, Mr.Gog, mi ha risposto il geniale cinese ed è scoppiato in una bella risata, così allegra inestinguibile che mi ha spaventato. Non riusciva più a dir parola e quando l’ho lasciato rideva ancora.

Tratto da “ IL LIBRO NERO”

di Giovanni Papini 1952
ed in tanto stanno comprando i debiti delle più grandi nazioni…

0

yaldus
Scritto il 25 gennaio 2012 at 10:13

Cè poco da dire, non conosco cinesi ma mi sembra puro e semplice razzismo.
Pensiamo positivo che è meglio.

Scritto il 25 gennaio 2012 at 10:52

Ciao yaldus mi sono permessa di riportare un fatto… Ovvio che uno spera… Sono arrivata alla conclusione che non esiste peggior razzista di chi si sente diverso… E questo e’ pericoloso e va dalla religione al colore della pelle

_andy_
Scritto il 25 gennaio 2012 at 15:54

Ho spulciato l?European Union Times, ma non ho trovato traccia di quanto riportato qui sul blog. E’ possibile avere un link della fonte originale? Grazie.

Scritto il 25 gennaio 2012 at 16:08

_andy_@finanzaonline: Ho spulciato l?European Union Times, ma non ho trovato traccia di quanto riportato qui sul blog. E’ possibile avere un link della fonte originale? Grazie.

http://www.eutimes.net/2011/12/china-joins-russia-orders-military-to-prepare-for-world-war-iii/

oppure

http://www.eutimes.net/2011/12/chinese-general-threatens-us-with-world-war-3-over-iran/

_andy_
Scritto il 25 gennaio 2012 at 16:08

Trovato… a posto.

Allego questo link… la situazione si stà aggravando ulteriormente:

http://www.eutimes.net/2012/01/india-to-buy-iran-oil-in-gold-not-dollars/

_andy_
Scritto il 25 gennaio 2012 at 16:09

Agata Marino,

Si, avevo visto. Grazie

Scritto il 25 gennaio 2012 at 16:18

_andy_@finanzaonline: Trovato… a posto.Allego questo link… la situazione si stà aggravando ulteriormente:http://www.eutimes.net/2012/01/india-to-buy-iran-oil-in-gold-not-dollars/

grazie mille dopo lo leggo… poi vediamo se il segugio di balrock trova qualche altra notizia… spero comunque che la situazione si calmi… la situazione è molto complessa e garbugliata

_andy_
Scritto il 25 gennaio 2012 at 16:49

Agata Marino,

Si assolutamente… aggiungo anche questo, molto importante e fresco fresco…

http://news.xinhuanet.com/english/indepth/2012-01/14/c_131360324.htm

_andy_
Scritto il 25 gennaio 2012 at 16:51

Ottimo che seguiate gli siluppi di questa delicata e importantissima situazione, visto che i media “ufficiali” non se ne stanno occupando minimamente…

Titoli azionari, Titoli biotecnologici, Future e commodities
Utenti online
Histats.com ©
mailorder brides besucherzahler contatore internet
Twitter
MAIL DEI BOSS SANDRO E AGATA: [email protected] [email protected] SeguiteciAncheSu …
http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/ http://www.facebookloginhut.com/facebook-login/
Debito Pubblico Italiano
ContanteLibero.it
Commenti dal nostro blog
  • orzowey su Mercato Biotech cosa aspettarsi nei prossimi anni ?
  • [email protected] su Mercato Biotech cosa aspettarsi nei prossimi anni ?
  • orzowey su Mercato Biotech cosa aspettarsi nei prossimi anni ?
  • orzowey su Mercato Biotech cosa aspettarsi nei prossimi anni ?
  • orzowey su Mercato Biotech cosa aspettarsi nei prossimi anni ?
  • [email protected] su Mercato Biotech cosa aspettarsi nei prossimi anni ?
  • [email protected] su Mercato Biotech cosa aspettarsi nei prossimi anni ?
  • [email protected] su Mercato Biotech cosa aspettarsi nei prossimi anni ?
  • [email protected] su Mercato Biotech cosa aspettarsi nei prossimi anni ?
  • j.p.m.@finanzaonline su Mercato Biotech cosa aspettarsi nei prossimi anni ?
indici di borsa e principali valute